Delitto Rosboch, sì dei giudici di Ivrea al sequestro preventivo dei beni di Caterina Abbatista

Ivrea

/

27/07/2016

CONDIVIDI

Sarà un collegio di periti a redarre la distinta delle proprietà che potranno essere sottoposte al sequestro richiesto dall'avvocato della famiglia di Gloria

Disco verde del Tribunale di Ivrea per il sequestro preventivo dei beni intestati all’ex operatrice socio-sanitaria Caterina Abbatista, madre di Gabriele Defilippi, attualmente in carcere con l’accusa di concorso in omicidio. Il giudice ha accolto l’istanza di sequestro presentata dall’avvocato Stefano Caniglia che tutela e rappresenta la famiglia di Gloria Rosboch, la professoressa di sostegno barbaramente uccisa da Gabriele Defilippi e l’ex complice e amante Roberto Obert.

Saranno i periti nominati dal Tribunale a redarre l’inventario dei beni intestati alla donna e nel quale rientreranno la villetta di Castellamonte che è attualmente in vendita per 75mila euro, la quota della villetta di Gassino dove era andata ad abitare con i figli e che risulta intestata al 90% a Gabriele e due conti correnti bancari. Tra l’altro l’avvocato Stefano Caniglia ha anche richiesto il sequestro dello stipendio della donna che, è però sospesa dal servizio in attesa che inizi  il procedimento penale.

I legali di Caterina Abbatista hanno presentato due volte istanza di scarcerazione per la loro assistita e puntualmente il Tribunale del Riesame ha respinto le istanze. La dona è inoltre indagata per la truffa consumata ai danni della povera insegnante di sostegno. 187 mila euro che la vittima aveva consegnato fiduciosa a Gabriele Defilippi dietro la promessa di un nuovo lavoro e di una nuova vita in Costa Azzurra.

A giudizio degli inquirenti la Abbatista sarebbe stata al corrente della truffa, così come sarebbe venuta a conoscenza del piano di uccidere la donna dopo che questa aveva sporto denuncia per truffa alla procura di Torino. Sulla richiesta di sequestro preventivo dei beni che sono nella disponibilità di Roberto Obert e Gabriele Defilippi, i giudici decideranno entro il prossimo mese di settembre.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/10/2019

Cuorgnè: è attivo lo sportello d’ascolto per aiutare le donne vittime di maltrattamenti e violenza

L’Amministrazione Comunale della Città di Cuorgnè è ormai da diversi anni in prima linea nella lotta […]

leggi tutto...

16/10/2019

Castellamonte, in primavera il trasferimento del distaccamento dei vigili del fuoco nella nuova sede

Avrà luogo la prossima primavera il tanto atteso trasferimento del distaccamento volontario dei vigili del fuoco […]

leggi tutto...

16/10/2019

Rivara: il sacerdote antimafia don Luigi Ciotti inaugura l’anno accademico dell’Unitre

È stata una grande giornata quella di ieri, 15 ottobre, per l’Unitre di Rivara-Alto Canavese. In […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy