Delitto Rosboch, il fratellino di Gabriele: “Mi disse che l’idea di uccidere era stata sua”

Castellamonte

/

09/03/2016

CONDIVIDI

Le rivelazioni del fratellino tredicenne del giovane accusato con l'amico Obert dell'omicidio di Gloria, potrebbero inguaiare ulteriormente il presunto assassino

E’ ancora il fratellino minorenne di Gabriele Defilippi a svelare gli scenari inediti della tragica e macabra vicenda relativa alla morte dell’insegnante castellamontese Gloria Rosboch. La sua testimonianza, raccolta dal procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando nel corso di un lungo dialogo protetto, compiuto con l’assistenza degli psicologi, non solo ha convinto il tribunale del riesame di Torino a negare la scarcerazione della madre Caterina Abbatista, ma fa emergere altri inquietanti retroscena. Come quello, ad esempio, nel quale Gabriele avrebbe confessato al fratello: “Si, io c’entro e l’ho fatto con Roberto, ma l’idea era mia” in risposta alla domanda che ragazzino gli aveva posto sulla fine di Gloria Rosboch. Una versione che potrebbe avvalorare quella raccontata dal fornese Roberto Obert. Il fratellastro di Gabriele è tutelato dall’avvocato Andrea Bertano, lo stesso al quale il padre, secondo marito di Caterina Abbatista, ha chiesto di chiedere al tribunale l’affidamento esclusivo del bambino.

E’ sempre il ragazzino a raccontare di scene violente, della madre succube degli atteggiamenti prevaricanti del figlio maggiore. Ed è sempre lui a raccontare di una nuova donna comparsa nella vita di Gabriele dopo la rottura con l’ex fidanzata di origine marocchina Sofia Sabhou: una certa Federica B. con la quale Gabriele aveva intrecciato una relazione. Secondo quanto avrebbe raccontato il fratello minore di Gabriele, quest’ultimo avrebbe avuto intenzione di usarla per truffare l’amico-amante Roberto Obert che riteneva fosse in possesso di importanti somme di denaro delle quali voleva impadronirsi. Un sospetto che ora si fa concreto: dopo Gloria Obert avrebbe dovuto essere il prossimo possibile truffato. Ma la donna si sarebbe rifiutata di collaborare. Le rivelazioni aprono scenari più che inquietanti. Il procuratore Giuseppe Ferrando interrogherà le tre persone accusate di concorso in omicidio che si trovano in carcere: Gabriele Defilippi (difeso dall’avvocato Pier Franco Bertolino), Caterina Abbatista (difesa dagli avvocati Matteo Grognardi ed Erica Gilardino) e Roberto Obert (assistito dall’avvocato Celere Spaziante).

Ma il magistrato lo farà quando Obert consentirà il ritrovamento della famosa pistola che Gabriele gli avrebbe consegnato e che lui avrebbe seppellito (stando a quanto ha raccontato agli inquirenti) nei boschi tra Rocca Canavese e Barbania. E se sarà ritrovata, si potrebbero aprire altri capitoli di questo libro di cronaca nera dalle pagine più che torbide, molte delle quali sono ancora da scrivere.

Dov'è successo?

Leggi anche

Castellamonte

/

24/11/2017

Castellamonte, in biblioteca il laboratorio creativo per trasformare in doni gli oggetti riciclati

E’ dedicato alle imminenti feste natalizie il laboratorio creativo dal titolo “Aspettando il Natale…” per bambini […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

24/11/2017

Liceo linguistico al “Moro” di Rivarolo: è finalmente arrivato l’assenso della Città Metropolitana

L’Istituto di Istruzione Superiore “Aldo Moro” di Rivarolo Canavese potrà contare dal prossimo anno scolastico, su […]

leggi tutto...

Caselle

/

24/11/2017

La procura ha incaricato il casellese Mauro Esposito di far luce sulla tragedia di piazza San Carlo

Sarà l’architetto casellese Mauro Esposito, l’imprenditore casellese  testimone di giustizia che ha svelato la presenza della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy