Delitto Rosboch, Gabriele in procura: “Non è giusto che mia madre paghi per ciò che non ha fatto”

Ivrea

/

22/06/2016

CONDIVIDI

Caterina Abbatista si trova in carcere da quando fu scoperto il cadavere di Gloria. Il figlio ha ribadito, davanti al procuratore Ferrando, la completa estraneità della madre

Ha chiesto alla procura, tramite il suo legale Pier Franco Bertolino, di essere ascoltato dagl’inquirenti. Non si può dire che Gabriele Defilippi, non abbia abituato cronisti e opinione pubblica a continue sorprese. Questa potrebbe essere l’ultima. Quella decisiva. Nella tarda mattinata di oggi è stato ascoltato da Giuseppe Ferrando, il procuratore capo di Ivrea che conduce in prima persona le indagini sull’orrendo assassinio della professoressa di sostegno castellamontese Gloria Rosboch, eseguito dal ventunenne Gabriele Defilippi, suo ex allievo e dal maturo ex amico e amante Roberto Oberto, 54 anni, di Forno Canavese. I punti da chiarire, su questa delicata vicenda, sono ancora molti. Punti sui quali inquirenti e investigatori stanno alacremente lavorando da quando, il 13 gennaio scorso, il cadavere della povera Gloria Rosboch venne rinvenuto, grazie alle indicazioni di Roberto Obert, nel pozzetto di decantazione del percolato nella ex discarica di Rivara.

Nel corso dell’interrogatorio Gabriele Defilippi ha ribadito con fermezza l’innocenza e la completa estraneità della madre Caterina Abbatista: “Non è giusto che lei continui a stare in carcere. Io mi assumo le mie responsabilità, ma lei non deve pagare per ciò che non ha fatto”. Assistito dal suo legale, il giovane ha ammesso  di aver compiuto azioni che alla sua età non si compiono e ha ribadito quanto sia positivo il percorso che sta compiendo in carcere. “Il mio assistito ha ribadito l’assoluta estraneità della madre in tutta questa tragica vicenda – ha dichiarato l’avvocato Pier Franco Bertolino -. Gabriele si rende adesso pienamente conto di ciò che ha fatto e si dichiara pentito pur assumendosi tutte le sue responsabilità”. Gabriele potrebbe avere rivelato altri particolari. Se è così è stato le indagini potrebbero compiere, in vista del processo, un’improvvisa e inedita accelerazione.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/10/2019

Tragico incidente stradale sull’ex statale 460 tra Leinì e Lombardore: due morti e quattro feriti

Due morti e quattro feriti: è il tragico bilancio di un terribile incidente stradale che ha […]

leggi tutto...

19/10/2019

Ivrea, detenuto 35enne tenta di impiccarsi in cella. Salvato in extremis dalla polizia penitenziaria

Un detenuto italiano di origini sudafricane, 35enne, in carcere per omicidio, condannato all’ergastolo (ergastolo), mentre si […]

leggi tutto...

19/10/2019

Il presidente della Regione Alberto Cirio visita le eccellenze imprenditoriali del territorio canavesano

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio si è recato nella mattinata di giovedì 17 ottobre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy