Danno erariale di 895 mila euro. La Corte dei Conti contesta i maxi stipendi dei manager Gtt e Amiat

Torino

/

23/07/2016

CONDIVIDI

La Guardia di Finanza avrebbe accertato consulenze d'oro per aggirare il tetto stabilito dalla legle finanziaria varata nel 2007

Ammonta a ben 895 mila euro il danno erariale ipotizzato dalla procura della Corte dei Conti di Torino in relazione ai “maxi-stipendi” percepiti dagli ex amministratori delegati di Gtt Roberto Barbieri (ora amministratore delegato della Sagat, la società che gestisce lo scalo aeroportuale di Caselle) e di Maurizio Magnabosco, ora presidente dell’Amiat per il periodo dal 2011 al 2013. A giudizio dei giudici della magistratura contabile, i due manager delle due aziende partecipate del Comune, avrebbero ricevuto consulenze per aggirare il «tetto» degli stipendi previsto dalla Finanziaria del 2007, che prevedeva come limite massimo per la retribuzione gli emolumenti del sindaco.

A quel tempo, l’aggiramento di questi limiti aveva scatenato accese battaglie politiche nel consiglio comunale torinese, culminate proprio in un esposto alla Corte dei Conti elaborato dal gruppo consigliare del Pdl che aveva allegato numerosi documenti che facevano riferimenti a precedenti pronunciamenti giudiziari. La procura regionale della Corte dei Conti aveva affidato alla Finanza l’incarico di esaminare la documentazione, che ha portato all’”invito a dedurre” consegnato pochi giorni fa ai manager, a “coloro che hanno disposto l’erogazione delle somme» e alle «persone che hanno omesso i controlli sull’osservanza delle norme di finanza pubblica”.

Secondo i calcoli effettuati dalla procura contabile, Barbieri ha ricevuto 572 mila euro oltre al «tetto» stabilito dalle normative; per Magnabosco, la cifra è 323 mila. I due manager (e tutti gli altri personaggi coinvolti) hanno ora la possibilità di far valere le proprie controdeduzioni attraverso memorie e documentazione da consegnare alla procura della Corte dei Conti.  

Dov'è successo?

Leggi anche

20/10/2019

E’ di Levone il piccolo genio della matematica che a 11 anni ha sbaragliato migliaia di concorrenti

Frequenta la scuola media all’Istituto comprensivo di Caselle, lo studente 11enne di Levone che si è […]

leggi tutto...

20/10/2019

Leinì: la 23enne Denise è morta in un tragico incidente stradale. Il ricordo disperato del padre e degli amici

Denise Puglia, 23 anni, residente ad Alice Superiore in Val di Chy e Angelo Raffaele Torchia, […]

leggi tutto...

20/10/2019

Vische-Mazzè: banda di ladri fa saltare in aria due bancomat. I carabinieri sulle tracce dei malviventi

Intorno alle 1,30 circa della notte di domenica 20 ottobre,  a Vische e nella vicina Tonengo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy