Cuorgnè: in tribunale la ginecologa dell’Asl accusata di truffa aggravata e peculato

Cuorgnè

/

18/03/2017

CONDIVIDI

La pubblica accusa sostiene che la professionista esercitasse attività privata al di fuori degli orari previsti dal contratto stipulato con l'azienda

Avrebbe incassato oltre 90 mila euro senza esserne autorizzata, Cristina S. la ginecologa in servizio all’Asl To4 di Cuorgnè accusata di truffa aggravata ai danni dello Stato. E non basta: il medico deve anche rispondere dell’accusa di peculato dato che avrebbe utilizzato per prescrivere farmaci ai pazienti visitati nel corso dell’attività privata, i bollettari dell’Asl. L’imputata è comparsa nella mattinata di venerdì 17 marzo in tribunale a Ivrea assistita da propri legali al chiesto al giudice di poter accedere al rito abbreviato che prevede uno sconto di pena.

Le indagini relative all’inchiesta penale sono state eseguite dagli agenti del Gruppo della Guardia di Finanza di Ivrea. G’investigatori avrebbero accertato che la dottoressa esercitava l’attività privata al di fuori degli orari previsti dal contratto stipulato con l’azienda sanitaria e percependo in questo modo denaro che non le spettava e che doveva finire nella casse dell’azienda sanitaria. L’attività investigativa svolta dalle Fiamme Gialle ha anche messo in evidenza come la ginecologa ricevesse i pazienti in uno studio privato (totalmente sconosciuto al fisco) del quale è proprietaria la donna e che non rientra nelle clausole del contratto aziendale, dove la professionista effettuava visite mediche intascando la quota destinata dall’Asl, causando in questo modo un grave danno economico all’azienda pubblica.

Gli agenti hanno interrogato decine di pazienti dopo aver compiuto numerosissimi appostamenti e pedinamenti. L’udienza è stata aggiornata al prossimo 11 maggio. La ginecologa è stata segnala alla Corte dei Conti di Torino per quantificare il danno erariale. L’Asl To4 si è costituita parte civile nel processo penale.

Dov'è successo?

Leggi anche

22/05/2018

Delitto Rosboch: la procura di Ivrea ha chiesto in aula 16 anni di carcere per Caterina Abbattista

Sedici anni di carcere: è la pena richiesta dal procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando al […]

leggi tutto...

22/05/2018

Agliè: la filiale Unicredit chiude definitivamente i battenti, ma rimane attivo lo sportello bancomat

La filiale della banca Unicredit di Agliè chiude definitivamente i battenti com’era stato comunicato dai vertici […]

leggi tutto...

22/05/2018

Contratto Salvini-Di Maio: il popolo leghista dei gazebo approva il contratto di governo

Ai militanti e ai simpatizzanti della Lega Nord Canavesana il contratto di governo siglato dal Carroccio […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy