Cuorgnè, “service” con concerto d’archi dell’Inner Wheel a favore della telemedicina

Cuorgnè

/

17/11/2015

CONDIVIDI

L'acquisto di tablet e smartphone consentirà l'invio a medici e specialisti di immagini in tempo reale, evitando spostamenti ai pazienti colpiti da gravi patologie

Un concerto d’archi per favorire le cure domiciliari nel territorio canavesano. E’, in ordine di tempo, il “service” promosso dall’Inner Wheel Cuorgnè e Canavese presieduto da Nicoletta Boggio Aimonino. L’iniziativa avrà luogo venerdì 20 novembre alle ore 21,00 nell’x chiesa S.S. Trinità in via Milite Ignoto 3 a Cuorgnè. A esibirsi saranno gli Archi dell’Orchestra Filarmonica di Torino diretti dal maestro concertatore Sergio Lamberto. In programma musiche di Johann  Pachelbel, Antonio Vivaldi e Wolfang Amadeus Mozart. Il ricavato della serata ha l’obiettivo di fornire alcuni tablet o smartphone al servizio di cure domiciliari del distretto di Cuorgnè dell’Asl To4.

I dispositivi mobili, forniti di sim card, possono essere interfacciati con i programmi gestionali dell’azienda, hanno lo scopo di favorire la trasmissione in sicurezza di immagini e di dati clinici dei pazienti in tempo reale ai medici di famiglia e agli specialisti in modo da evitare – spiega Nicoletta Boggio Aimonimo – laddove possibile, il disagio del trasporto in ambulanza di questi malati spesso molto fragili e che sono talora affetti da malattie in fase avanzata, La telemedicina è l’ultima frontiera della ricerca scientifica: se oggi è possibile effettuare delicatissimi interventi chirurgici a distanza, grazie alle telecamere installate in sala operatoria e intervenire sui pazienti con sofisticatissimi robot, allo stesso modo specialisti e medici di famiglia possono formulare diagnosi o prescrivere terapie direttamente dallo studio medico o dall’ambulatorio.

“Il progetto prevede anche un’attenta analisi dei costi-benefici di questi interventi di telemedicina – spiega la presidente Nicoletta Boggio Aimonino – i cui risultati saranno presentati in una relazione-conferenza conclusiva. Spesso il personale infermieristico si trova nella necessità di chiedere consulti medici, in particolare per le attività di medicazione. A tale proposito si è rilevato che potrebbe essere di utilità poter utilizzare mezzi informatici che permettano in tempo reale la trasmissione di lesioni quali ferite, lesioni da decubito, ovvero di altri dati clinici utili  per migliorare gl’interventi a domicilio evitando lo spostamento dei pazienti”.  I soggetti interessati sono bambini, adulti e anziani colpiti da gravi malattie. L’essere curati nel proprio ambiente di vita migliora di molto la qualità della vita di chi soffre di gravi malattie.

Le Cure domiciliari del Distretto di Cuorgnè sono organizzate in équipe di zona: le aree interessate con i comuni capofila sono quelle di Castellamonte, Rivarolo, Pont e Cuorgnè (4 infermieri a Castellamonte, 5 a Rivarolo e 8 che operano nel territorio di Pont e Cuorgnè). Le attività che vengono svolte al domicilio dei pazienti vanno dai prelievi ematici, alle medicazioni semplici e complesse, terapie infusionali (fleboclisi) educazione sanitaria e informazioni ai famigliari, l’Inner Wheel è particolarmente impegnato anche in campo sanitario per contribuire a migliorare l’assistenza sanitaria nel territorio di competenza. L’International Inner Wheel è una delle maggiori organizzazioni femminili al mondo. L’organizzazione, fondata nel 1924, vanta oltre 100mila socie provenienti da 104 nazioni e si basa sull’amicizia e sul servire individuale. In Italia i club sono 206 e possono contare sull’apporto di 6mila socie. Il sodalizio di Cuorgnè e Canavese è stato fondato nel 1992 e conta attualmente 27 socie.

“Il service è uno degli obiettivi fondamentali, che si concretizza in interventi sia a livello culturale che umanitario – conclude la presidente -, con un focus particolare verso i soggetti che vivono in condizioni di disagio, sia nel nostro territorio che nei Paesi in via di sviluppo.

Dov'è successo?

Leggi anche

Caselle

/

21/09/2018

Caselle, il raccordo non è considerato autostrada. Lo Stato non paga l’indennità agli agenti di polizia

Un’altra brutta storia all’italiana, l’ennesima: il raccordo R10 Torino-Caselle non è considerato un’autostrada e quindi gli […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

21/09/2018

Canavese: anche nei cinema di Cuorgnè, Ivrea e Chivasso il festival del cinema “Movie Tellers”

Parte “Movie Tellers-Narrazioni cinematografiche”, il festival itinerante del cinema promosso dall’omonima associazione che toccherà 26 cittadine […]

leggi tutto...

Torino

/

21/09/2018

Buoni pasto: la Regione Piemonte al tavolo convocato a Roma sul fallimento di “Qui! Group”

L’assessorato al Lavoro della Regione Piemonte ha partecipato ieri al tavolo convocato al ministero dello sviluppo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy