Cuorgnè: scuola chiusa per gl’incendi in frazione Salto. I carabinieri forestali sulle tracce dei piromani

Cuorgnè

/

01/12/2017

CONDIVIDI

Che i roghi siano di di origine dolosa non sembra sussistano dubbi. La grande paura sembra passata, ma i soccorritori sono sempre al lavoro per arginare il fronte delle fiamme

Oggi, venerdì 1° dicembre la scuola di frazione Salto non ha aperto, come di consueto, i battenti a causa delle fiamme che si sono pericolosamente avvicinate già nelle serata di ieri, giovedì 30 novembre, alle abitazioni. Le colline in frazione Campore, Salto e località Voira bruciano ancora e le fiamme si sono pericolosamenbte avvicinate a Nava e Navetta, mentre i carabinieri forestali sono sulle tracce di chi ha innescato, dopo neanche un mese di tregua, devastanti incendi sulle colline di Cuorgnè e di Pont Canavese.

Da ieri due elicotteri e un Canadair stano riversando tonnellate d’acqua sui diversi fronti d’incendio. Da mercoledì sera vigili del fuoco, volontari Aib e Protezione Civile stanno lottando senza tregua per domare i roghi. La situazione al momento pare essere sotto controllo, ma lo stato d’allerta è al massimo livello. D’altro canto la Protezione civile piemontese, aveva, soltanto pochi giorni fa, rammentato che in tutto il territorio era ancora in atto lo stato di massima pericolosità per gl’incendi boschivi. Nela mattinata di oggi, venerdì 1° dicembre, si è riunito nel palazzo comunale il tavolo tecnico presieduto dal sindaco Beppe Pezzetto per fare il punto della situazione e adottare le necessarie contromisure per evitare che l’emergenza possa costituire un reale pericolo per la popolazione.

Gl’incendi hanno stanno provocando dense e continue volute di fumo che hanno reso l’aria irrespirabile in tutto il territorio cuorgnatese. Che i roghi siano di origine dolosa appare un dato di fatto ormai assodato soprattutto dopo il rinvenimento di accumuli di rifiuti dati alle fiamme.

Dov'è successo?

Leggi anche

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

18/10/2018

“Canavesana” più sicura: Regione e Rfi firmano il protocollo sicurezza. Lavori in tempi rapidi

Verrà firmato a breve il protocollo tra Regione Piemonte e Rfi che consentirà di dare il […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy