Cuorgnè: raid dei vandali nell’area del cimitero riservata ai bambini. Lo sdegno della città

Cuorgnè

/

02/06/2017

CONDIVIDI

Il sindaco Beppe Pezzetto: "Spero vivamente vengano identificati dalle telecamere. Presenteremo denuncia"

Il raid vandalico al cimitero di Cuorgnè nell’area riservata a bambini ha avuto presumibilmente luogo nella notte di mercoledì 31 maggio: Ignoti hanno vandalizzato e deliberatamente distrutto croci, vasi portafiori, lumi e arredi di vario genere. Un episodio che ha dell’incredibile e che ha suscitato non soltanto lo sdegno dell’amministrazione comunale ma anche quello di gran parte della cittadinanza.

Si tratta di un atto inqualificabile e che dimostra ancora una volta, se ve fosse bisogno, come gli imbecilli non si fermano di fronte a nulla, neanche di fronte al rispetto per i defunti. Gli autori dell’atto vandalico sono ancora ignoti ma si spera che il sistema di videosorveglianza possa consentire, attraverso l’esame dei firmati registrati, l’identificazione dei vandali-teppisti.

A rendere nota la notizia del raid è stato il sindaco di Curgnè Beppe Pezzetto con poche righe postate sui social: “E’ un atto vandalico vergognoso – afferma – i cui autori spero vivamente vengano identificati dalle telecamere. Stiamo provvedendo a presentare una formale denuncia. Nell’area del nostro cimitero cittadino, destinato alla sepoltura dei bimbi, dei deficienti hanno posto in essere degli atti vandalici: piccole croci divelte, arredi funebri rimossi e sparpagliati per tutta l’area, lumini rotti. Vergognatevi “.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/08/2019

Escursionismo: prende il via la prima, grande edizione, della “Grande Traversata delle Alpi”

C’è tempo fino al 31 ottobre 2019 per partecipare alla prima edizione di “Sguardi sulla GTA […]

leggi tutto...

16/08/2019

Venaria: l’auto prende fuoco e le fiamme lambiscono uno stabile. Terrore tra i residenti

L’auto ha preso fuoco all’improvviso e le fiamme si sono levate così alte da lambire le […]

leggi tutto...

16/08/2019

In montagna il cellulare non riceve il segnale. L’Uncem: “Se ne occupi con urgenza il Parlamento”

Centinaia di migliaia di persone che in questi giorni si trovano in montagna sanno di cosa […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy