Cuorgnè, niente insegnanti al XXV Aprile per gli studenti disabili

Cuorgnè

/

16/09/2015

CONDIVIDI

Il Ministero ha bloccato le chiamate dei supplenti. Questo non ha consentito di disporre del necessario numero dei insegnanti di sostegno

Niente di nuovo sotto il sole, soprattutto nel mondo della scuola. La notizia è di quelle destinate a fare scalpore e a suscitare infiammate polemiche. All’Istituto XXV Aprile di Cuorgnè la direzione scolastica non ha potuto garantire la totale assistenza agli studenti diversamente abili. Il motivo? Il blocco, da parte del Ministero, delle chiamate dalla lista dei supplenti. La scuola, che ha sempre prestato molta attenzione ai ragazzi diversamente abili, preso atto della disposizione, ha dovuto avvisare le famiglie. In sintesi: il blocco delle nomine non ha consentito alla direzione scolastica di chiamare in servizio gl’insegnanti di sostegno.

Un esempio concreto che la dice lunga sull’organizzazione del sistema scolastico: all’inizio delle lezioni erano presenti soltanti due insegnanti su dieci. In molti casi, dopo essere stati tempestite avvertite della situazione, le famiglie hanno tenuto a casa i figli. La speranza che tutti nutrono è che questo spiacevole disservizio abbia fine almeno all’inizio della prossima settimana.

Decisamente polemica è l’associazione “Buoni Amici Onlus” che ha sede a Favria alla quale si sono rivolti indignati numerosi genitori. Il presidente del’associazione sottolinea come appaia evidente che nella scuola pubblica ci sono studenti di serie A e di serie B: una chiara discriminazione che lede il diritto allo studio dei ragazzi diversamente abili. E ancora: perchè le famiglie non sono state avvertite prima dell’inizio delle lezioni? Il sodalizio chiede il coinvolgimento del territorio, delle istituzioni e della rete sociale affinchè si possa garantire a tutti gli studenti un trattamento paritario.

Quest’oggi al Provveditorato agli studi è stata convocata la conferenbza dei servizi. Un incontro che dovrebbe rimediare a brutto “pasticciaccio” causato dalla decisione del Ministero che ha coinvolto, suo malgrado, anche l’Istituto XXV Aprile e, in particolar modo, chi deve ingiustamente subire le ingiustizie causate dalle decisioni altrui.

Dov'è successo?

Leggi anche

25/08/2019

Balme: si reca al pascolo e non ritorna a valle. Ricerche in corso per ritrovare pastore 45enne

Il mattino era partito, come di consueto, per raggiungere il Pian della Mussa per far pascolare […]

leggi tutto...

25/08/2019

Paura a Chiaverano: aggredito dai ladri che volevano razziare la sua abitazione. Ferito 64enne

Picchiato dai ladri in fuga che stavano razziando al sua abitazione. Vittima dell’aggressione è stato un […]

leggi tutto...

24/08/2019

Mistero a Torrazza Piemonte: esploso un colpo di carabina contro la porta di una villetta

L’esplosione di un colpo di fucile contro una villetta si è trasformata in un giallo. L’inquietante […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy