Cuorgnè, muore a soli 36 anni per un male incurabile che lo ha stroncato in pochi mesi

Cuorgnè

/

14/01/2016

CONDIVIDI

L'uomo dipendente dell'Osva di Valperga, lascia la moglie, di origine marocchina e due bimbi piccoli. Amici e colleghi si sono stretti intorno alla famiglia

Prima Massimiliano Trione, stroncato da un infarto a 44 anni. Poi Carmine Gagliardi di soli 36 anni, residente a Cuorgnè, vittima di un tumore così fulmineo da averne provocato il decesso in pochi mesi. Carmine aveva 36 anni ed era molto conosciuto a Cuorgnè. Dipendente della ditta Osva di Valperga, abitava con la famiglia in via Cesare Pavese, alla periferia di Cuorgnè. Dal giorno in cui i medici hanno emesso la terribile diagnosi, Carmine, confortato dalla moglie Zahira, di origini marocchine, ha lottato contro la malattia con tutte le sue forze. Ma il male asintomatico che lo aveva aggredito era ad uno stadio così avanzato che ogni cura si è rivelata vana.

Oltre alla moglie, Carmine Gagliardi, un uomo generoso, grande lavoratore come lo ricordano i colleghi, dal carattere sensibile, lascia due bambini (un maschio e una femmina), la mamma Maria, il papà Alfonso e la sorella Francesca. Dopo il matrimonio Carmine si era convertito alla fede islamica. Una conversione che non lo aveva fatto cambiare. A dimostrazione di quanto il giovane fosse apprezzato, il titolare della Osva di Valperga, Michele Rosboch ha deciso di chiudere l’azienda per consentire ai colleghi di Carmine di partecipare alle esequie. Un gesto di particolare sensibilità che, al di là delle esigenze dell’azienda, dimostra in concreto quanto Carmine Gagliardi fosse considerato anche dai datori di lavoro.

La salma è stata tumulata, alla presenza di una gran folla, nel cimitero di Cuorgnè. Amici, parenti, semplici conoscenti, si sono stretti intorno alla famiglia per dimostrare affetto e solidarietà con la dovuta riservatezza. Cuorgnè è doppiamente in lutto per aver perso due suoi figli in un modo così improvviso e, soprattutto, in giovane età.

Dov'è successo?

Leggi anche

Canavese

/

22/10/2017

Canavese, niente pioggia ma arriva il vento: basterà a dissipare la pesante coltre di polveri sottili?

Non è piovuto come ci aspettava, ma una leggera brezza che soffia sul Canavese e sul […]

leggi tutto...

Chivasso

/

22/10/2017

Chivasso: i baby pusher spacciavano droga nei giardinetti pubblici in via Po. Minorenni nei guai

Che i giardinetti pubblici di via Po a Chivasso fossero anche ricettacolo di piccoli gruppi di […]

leggi tutto...

Venaria

/

22/10/2017

Venaria: perdono la partita per 14 a 0 e per vendicarsi aggrediscono gli avversari. 5 denunciati per lesioni

Sono stati tutti denunciati i cinque di giocatori di una squadra di calcetto, protagonisti di una […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy