Cuorgnè: multato aveva rigato l’auto della polizia municipale. Adesso paga il conto del carrozziere

Cuorgnè

/

06/10/2016

CONDIVIDI

Il sanguigno automobilista ha accettato di risarcire il Comune. Adesso dovrà rispondere del reato di danneggiamenti

Era stato multato per divieto di sosta e, per vendicarsi degli agenti della polizia municipale, aveva rigato la fiancata dell’auto di servizio. Dopo essere stato identificato, grazie alla fattiva collaborazione di alcuni testimoni, l’uomo ha deciso di pagare di tasca propria il conto della carrozzeria. Ma i guai non finiscono qui per l’irascibile e sanguigno automobilista: dopo il tardivo gesto riparatorio adesso dovrà fare i conti con una denuncia d’ufficio per danneggiamento.

Il fatto era accaduto in via Trione a Cuorgnè nella prima metà di settembre, davanti a diversi testimoni. Dopo essere stato multato per divieto di sosta, l’automobilista aveva atteso che i due agenti di pattuglia si allontanassero e, con un oggetto appuntito, si era accanito sull’auto di servizio della polizia locale. Quando è stato ufficialmente identificato il vandalo, ha accettato la richiesta di risarcimento e ha pagato la fattura del carrozziere.

Comunque vada in campo giudiziario, indubbiamente, d’ora in poi l’automobilista farà più attenzione a dove parcheggerà l’auto e, in ogni caso, pagherà volente o nolente la contravvenzione, perché quella riga sulla fiancata gli costerà molto più del dispetto compiuto.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/02/2018

Il sindaco di Valperga Francisca a “Il Punto” di Canavesenews in onda su Torino e Canavese Tv

E’ sindaco di Valperga soltanto da poco più di tre anni e da altrettanto tempo Gabriele […]

leggi tutto...

19/02/2018

Atletica: i canavesani tornano a casa da Ancona con un oro, un argento, un terzo e quarto posto

Un oro, un argento, un quarto ed un ottavo posto, il bottino dell’Azimut Atletica Canavesana ai […]

leggi tutto...

19/02/2018

Leinì: i carabinieri scoprono una centrale dello spaccio di droga pedinando un pusher attivo in paese

Lo spacciatore aveva consegnato la dose ad un cliente tossicodipendente e non si era accorto che […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy