Cuorgnè: l’asilo nido comunale ha pochi iscritti. Si teme la chiusura per i costi troppo alti

Cuorgnè

/

14/07/2016

CONDIVIDI

L'assessore all'Istruzione Davide Pieruccini e il sindaco Beppe Pezzetto escludono decisioni drastiche, ma ammettono che bisogna pensare a soluzioni alternative

Il calo demografico fa sentire i suoi effetti anche a Cuorgnè. Per la prima volta l’asilo nido comunale ha registrato soltanto otto iscritti: troppo pochi per una struttura che comporta per l’amministrazione comunale costi decisamente rilevanti. Il timore è che la struttura possa chiudere definitivamente i battenti. Un vero paradosso se si spensa che soltanto sue anni fa, quando l’amministrazione aveva ipotizzato di esternalizzare il servizio per affidarlo ai privati, un gran numero di cuorgnatesi aveva intrapreso una lunga battaglia per fare in modo che gli amministratori facessero un passo indietro. I conti sono preso fatti: ogni anno il Comune sborsa ben 20mila ad alunno per u totale di 180 mila euro. Il cinquanta per cento dei costi dovrebbe essere coperto dalle rette pagate dalle famiglie, ma con un numero così esiguo di utenti, i costi sarebbero proibitivi.

Un bel rompicapo per la neo eletta giunta comunale che sostiene il sindaco Beppe Pezzetto: l’asilo nido conta sei dipendenti che incidono notevolmente sulle spese. Preso atto che la situazione va affrontata seriamente, sia il neo assessore all’Istruzione Davide Pieruccini che il primo cittadino escludono che l’asilo chiuda i battenti, ma è altrettanto vero che sarà necessario trovare soluzioni alternative che evitino che le case comunale siano sottoposte a un salasso economico di una rilevante entità.

Eppure il Comune ha dato vita, insieme alle maestre a una serie di iniziative per incrementare il numero degli iscritti. Ma, purtroppo la risposta da parte della popolazione non è stata del tutto positiva. Diversi genitori preferiscono che i figli frequentino asili nido privati non per l’entità delle rette che sono simili a quelle della struttura pubblica ma perché offrono orari maggiormente flessibili e più consoni alle esigenze delle famiglie.

Assessore e sindaco assicurano che per il prossimo anno non cambierà nulla anche se, è evidente, che sarà necessario, nel prossimo futuro mettere in campo iniziative che consentano la regolare prosecuzione del servizio senza pesare troppo sul bilancio comunale. Un impegno, sicuramente, non di poco conto.

Dov'è successo?

Leggi anche

20/10/2019

Leinì: la 23enne Denise è morta in un tragico incidente stradale. Il ricordo disperato del padre e degli amici

Denise Puglia, 23 anni, residente ad Alice Superiore in Val di Chy e Angelo Raffaele Torchia, […]

leggi tutto...

20/10/2019

Vische-Mazzè: banda di ladri fa saltare in aria due bancomat. I carabinieri sulle tracce dei malviventi

Intorno alle 1,30 circa della notte di domenica 20 ottobre,  a Vische e nella vicina Tonengo […]

leggi tutto...

19/10/2019

Tragico incidente stradale sull’ex statale 460 tra Leinì e Lombardore: due morti e quattro feriti

Due morti e quattro feriti: è il tragico bilancio di un terribile incidente stradale che ha […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy