Cuorgné: l’Anpi in lutto per Cecilia Genisia, la staffetta partigiana che si è spenta all’età di 97 anni

Cuorgnè

/

11/03/2019

CONDIVIDI

La donna, pluridecorata, apparteneva a una generazionbe che sidò la morte per ridare la libertà all'Italia. I funerali saranno celebrati domani, alle 10,30 nella chiesa parrocchiale cittadina

Saranno celebrari domani, martedì 12 marzo, nella chiesa parrocchiale di Cuorgnè i funerali di Cecilia Genisio, partigiana originaria di San Colombano Belmonte, che i è spenta nei giorni scorsi alla veneranda età di 97 anni. L’anpi di Cuorgnè è in lutto per la scomparsa di una protagonista assoluta della lotta partigiana che contribuì alla lberazione dell’Italia dal giogo nazi-fascista.
“Rimarrà sempre nella nostra memoria il suo splendido sorriso nonché la serenità di chi ha sempre combattuto per la vita, la libertà e ha visto, in condizioni allora impossibili, sconfitti gli oppressori del Popolo Italiano” si legge nel sito web dell’Anpi cuorgnatese.

Cecilia Genisia era nata il 9 febbraio 1922 da una famiglia di piccoli imprenditori che era titolare di un’officina metallurgica a Cuorgnè. La famiglia di Cecilia era un vero punto di riferimento per l’attività dei partigiani: nell’aprile del 1945 nella sua abitazione fu negoziata la resa, avvenuta nel mese di aprile del 1945, del presidio fascista a Cuorgnè. Cresciuta in una famiglia dove i valori della libertà erano tangibili, nel giugno 1944 Cecilia Genisio fece parte, in qualità di staffetta, della brigata “Mario Costa” della VI divisione Giustizia e Libertà. Nel settembre dello stesso anno venne arrestata insieme al padre e alla sorella dagli uomini della X Ma a causa della sua attività svolta a favore dei partigiani. Fu Cecilia Genisia, allora poco più che adolescente, a chiedere la resa della caserma Pinelli ai gruppi di combattenti partigiani.

In quell’edificio, fino alla Liberazione, la giovane continuò ad assicurare i contatti con le bande partigiane e dove si impegnò come infermiera volontaria. Per l’impegno profuso nella riconquista della libertà e per il suo indefesso coraggio a Cecilia Genisia venne insignita nel 1974 della Croce al Merito di Guerra e nel 1977 della Medaglia di benemerenza per i volontari della Seconda Guerra Mondiale. In precedenza aveva ricevuto, al termine del conflitto, l’attestato di partigiana combattente.

Con Cecilia Genisia scompare un altro pezzo di storia e di una generazione che sfidò la morte per ridare la libertà perduta al Paese.

Leggi anche

25/08/2019

Lavoro: 6 milioni di euro stanziati dalla Regione per consentire ai comuni di assumere gli over 58

Ammonta a più di 6 milioni di euro l’erogazione, da parte della Regione, dei fondi messi […]

leggi tutto...

25/08/2019

Balme: trovato cadavere il pastore disperso in Val d’Ala. E’ forse precipitato da un versante impervio

E’ stato ritrovato cadavere nel tardo pomeriggio di oggi. domenica 25 agosto, il pastore 45enne di […]

leggi tutto...

25/08/2019

Balme: si reca al pascolo e non ritorna a valle. Ricerche in corso per ritrovare pastore 45enne

Il mattino era partito, come di consueto, per raggiungere il Pian della Mussa per far pascolare […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy