Cuorgnè: la Madonna della Rivassola torna al suo posto dopo il restauro pagato dal sindaco

Cuorgnè

/

23/09/2017

CONDIVIDI

Ad inizio agosto un imbecille aveva decapitato la testa del Gesù Bambino. Il primo cittadino vi ha posto rimedio

Aveva avuto luogo lo scorso mese di inizio agosto la spiacevole sorpresa che aveva indignato i cittadini cuorgnatesi: la statua del Gesù Bambino, tenuto in braccio dalla Madonna di Rivassola, era stata decapitata da qualche idiota. Il primo cittadino Beppe Pezzetto si era personalmente preso in carico il restauro della statua affidandola ad un restauratore, con la promessa che sarebbe stata restituita alla popolazione in tempo per le celebrazioni della Rivassola, la più amata festa religiosa dei cuorgnatesi.

La promessa è stata mantenuta. La statua affidata alla restauratrice Sara Bertella è stata riconsegnata a Beppe Pezzetto in settimana e quindi riposizionata in via Cesare Battisti.

“E’ stato un gesto che mi ha toccato personalmente, un gesto stupido che tocca una delle tradizioni religiose più sentite dai cuorgnatesi, per questo ho ritenuto giusto porvi rimedio personalmente – spiega il primo cittadino-, anche nel ricordo delle mie zie Rite e Mariuccia che insieme alle tante persone di quel borgo di Cuorgnè ne hanno sempre con dedizione avuto cura”.

Dov'è successo?

Leggi anche

03/06/2020

Coronavirus: durante l’emergenza pestilenziale boom delle truffe ai danni di indifesi anziani

Nelle ultime settimane, con l’inizio della Fase 2 legata all’emergenza sanitaria Covid-19, è ripreso il fenomeno […]

leggi tutto...

03/06/2020

Coronavirus in Piemonte: drastico calo dei nuovi contagi. Leggero aumento dei decessi in ospedale

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che oggi, mercoledì 3 giugno, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...

03/06/2020

A Ivrea “l’alba di un nuovo giorno per l’umanità”. L’artista Joey Guidone dona un’opera pittorica all’ospedale

A Ivrea “l’alba di un nuovo giorno per l’umanità”. L’artista Joey Guidone dona un’opera pittorica all’ospedale. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy