Cuorgnè, è la captazione delle acque da parte della centrale elettrica, la causa della morìa dei pesci

Cuorgnè

/

14/02/2017

CONDIVIDI

Onorino Freddi, presidente del Consorzio Irriguo ribadisce che non state arbitrariamente chiuse le paratie che regolano il flusso nella roggia

La morìa dei pesci che si è verificata nella notte di lunedì 13 febbraio nella roggia di Oglianico che devia dal torrente Orco in località Bandola di Cuorgnè e che attraversa anche parte del territorio di Rivarolo Canavese, non è dovuta alla chiusura delle paratie (che non è mai avvenuta), ma a un improvviso prosciugamento del canale irriguo. A fare chiarezza sull’incresciosa vicenda che ha causato la morte per asfissia di alcune centinaia di pesci, tra i quali una cinquantina di trote “marmolate” specie protetta perché in via di estinzione, è Onorino Freddi, ex sindaco di Oglianico e attuale presidente del Consorzio Irriguo che gestisce la rete idrica territoriale.

Sull’ente si erano appuntate le feroci critiche dei pescatori cuorgnatesi. “Non avremmo potuto chiudere le paratie non senza aver informato preventivamente l’Arpa e la Città Metropolitana – spiega l’amministratore -. Capisco le ragioni dei pescatori, ma il prosciugamento del canale è dovuto all’attività di captazione della centrale Enel GreenPower. Lo scarso livello d’acqua del torrente Orco non consentiva un’adeguata captazione delle acque e la struttura energetica ha attinto anche al canale oggetto della morìa”.

Le paratie della roggia dunque non sono state arbitrariamente chiuse come qualcuno ha pensato ma d’ora in poi, per evitare che accadano improvvisi prosciugamenti, il consorzio chiederà al canale di Favria, che alimenta quello di Oglianico, di poter deviare l’acqua in modo da mantenere nei limiti il livello della roggia.

“L’effetto della captazione da parte della centrale elettrica deve essere accaduta nella notte di lunedì scorso – conclude Onorino Freddi -. Quando nella mattinata di domenica sono passato accanto al canale irriguo, l’acqua scorreva regolarmente”.

Dov'è successo?

Leggi anche

San Giorgio Canavese

/

11/12/2017

San Giorgio: nove bambini intossicati a scuola dal monossido di carbonio. Inchiesta della procura

Il monossido di carbonio si sarebbe diffuso nella palestra della scuola elementare “Carlo Ignazio Giulio” di […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

11/12/2017

Cuorgnè, regalo di Natale del Comune ai cittadini: da aprile per parcheggiare in centro si pagherà

Amara sorpresa per gli automobilisti a Cuorgnè: a partirte dalla prossima primavera per parcheggiare in centro […]

leggi tutto...

San Francesco al Campo

/

10/12/2017

San Francesco al Campo: ritrovate vuote le casseforti rubate che contenevano le pistole della polizia locale

Le ricerche dei carabinieri hanno dato i loro frutti: le due casseforti blindate che nei giorni […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy