Cuorgnè, giovane ivoriana dà in escandescenze a bordo del bus diretto in Valle Sacra. Denunciata

Cuorgnè

/

17/01/2017

CONDIVIDI

Oltre all'intervento dei carabinieri si è reso necessario quello del personale del 118 che ha condotto la donna in ospedale

Una giovane originaria della Costa d’Avorio, ospite nella struttura di Borgiallo, nella serata di domenica scorsa, ha creato non poco scompiglio a bordo dell’autobus di linea diretto in Valle Sacra. I fatti: intorno alle 20,00 la giovane ha chiesto all’autista di poter fermare il pullman nei pressi della stazione di servizio della TotatlErg di Priacco, frazione di Cuorgnè, in modo da aspettare il fratello.

L’autista con molta disponibilità ha acconsentito specificando che poteva effettuare soltanto una fermata di qualche minuti per poter rispettare gli orari. I minuti concessi sono trascorsi ma del fratello nessuna traccia. Quando il conducente ha rimesso in moto il bus, la ragazza ha iniziato a dare in escandescenze, seminando il panico tra i passeggeri.

Dato che la passeggera non accennava a calmarsi il conducente ha avvisato il 112. Sul luogo sono intervenuti i carabinieri della stazione di Ronco e una pattuglia della stazione di Rivarolo Canavese che non sono riusciti, nonostante gli sforzi compiuti, a calmare la giovane ivoriana.

Si è reso necessario l’intervento dei sanitari del 118 che hanno trasportato la ragazza in ospedale. Dopo aver effettuato gli accertamenti del caso i carabinieri hanno denunciato la richiedente asilo  dalla Costa d’Avorio per resistenza a pubblico ufficiale.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/07/2018

Colleretto Giacosa: Tobias Haas è il nuovo direttore dell’Istituto di Ricerche biomediche

Tobias Haas è il nuovo Direttore dell’Istituto di Ricerche Biomediche “Antoine Marxer” RBM SpA di Colleretto […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/07/2018

Mondiali di Canoa, i CT stranieri promuovono a pieni voti Ivrea: “Qui l’organizzazione è perfetta”

Nella giornata di oggi, mercoledì 17 luglio, si è conclusa la seconda giornata di gare del […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/07/2018

Operaio morì per la puntura di una vespa. Il titolare dell’azienda condannato a 12 mesi

Condannato a un anno di reclusione perchè uno dei suoi dipendenti è morto a causa della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy