Cuorgnè: il film canavesano “Cinematografica Perona” in anteprima al “Massimo” di Torino

12/01/2018

CONDIVIDI

Il documentario è girato nelle tre sale attive a Cuorgnè nel corso del ’900. Nel Teatro Comunale ottocentesco si schiudono i ricordi dei film muti degli anni Venti. Al Cinema Perona, inaugurato nel 1949, approdarono i grandi film americani, il neorealismo e la magia dei cartoni animati

Cuorgnè, provincia di Torino. Anni ’20. Le proiezioni prendono vita sul palco del teatro, dalla platea gremita il pubblico partecipa agli inseguimenti dei cowboys e scommette sulle razze dei cavalli. Anni ’50. L’avventura continua in una nuova sala all’avanguardia, dove si alternano passioni travolgenti, avventure in terre lontane e disegni animati di mondi fantastici. Anni ’70. Le proiezioni si trasferiscono al “Margherita”, dedicato alla memoria della nonna: il grande schermo davanti al quale la comunità continua a ritrovarsi e sognare. Cinematografica Perona racconta la storia di una famiglia che da quattro generazioni rinnova la magia del cinema nel Canavese.

Il film è stato prodotto dal Collettivo Cromocinque con il contributo di Fondazione Sviluppo e Crescita Crt e dell’Archivio Mario L. G. Ceretto e sarà proiettato in anteprima assoluta domenica 14 febbraio alle 20,30 al cinema Massimo in via Verdi 8 a Torino, nell’ambito del gLocal Doc, la rassegna ideata da Piemonte Movie, in collaborazione con Museo del Cinema e Film Commission Torino Piemonte. La proiezione sarà introdotta dai registi Azzurra Fragale e Mauro Corneglio e dal critico cinematografico Lorenzo Ventavoli. La prima proiezione in Canavese è prevista per martedì 16 gennaio alle ore 21,15 al Cinema Margherita in via Ivrea 101 a Cuorgnè.

Con i registi interverranno Alessandro Gaido, Presidente di Piemonte Movie, e il critico cinematografico Fabio Pezzetti Tonion. Sarà una serata speciale ad ingresso libero, con la presentazione della seconda fase della rassegna “Due Città al Cinema”.

Il documentario è girato nelle tre sale attive a Cuorgnè nel corso del ’900. Nel Teatro Comunale ottocentesco si schiudono i ricordi dei film muti degli anni Venti, con gli spettatori che incitano i cowboys durante gli inseguimenti. Al Cinema Perona, inaugurato nel 1949, approdarono i grandi film americani la stagione neorealista e la magia dei cartoni animati. La magia del cinema oggi continua al Margherita, che mantiene gli ampi spazi degli anni Settanta.

Seguendo Vilma, Gabriella, Chiara e Fernando Perona in un percorso di riscoperta di luoghi e memorie, il film prova a descrivere il rapporto tra cinema e comunità.
Una prospettiva che Azzurra Fragale e Mauro Corneglio ritengono utile a descrivere la vivacità culturale del territorio: “Rispetto ad altre zone in cui si sono imposti i multisala con una programmazione essenzialmente commerciale, a Ivrea, Cuorgnè, Valperga resistono sale che alternano le ultime uscite a rassegne d’essai particolarmente apprezzate – spiegano -. La partecipazione del pubblico è un segno positivo che conferma l’importanza della visione collettiva come esperienza condivisa”.

Il trailer è visibile al seguente link: https://vimeo.com/237191537

Dov'è successo?

Leggi anche

San Maurizio Canavese

/

24/09/2018

Lavoro: McDonald’s apre un ristorante a San Maurizio Canavese e cerca 40 dipendenti

La catena internazionale di fast food McDonald’s apre un nuovo ristorante a San Maurizio Canavese e […]

leggi tutto...

Ivrea

/

24/09/2018

Economia: Patrizia Paglia è il nuovo presidente di Confindustria Canavese. Subentra a Fabrizio Gea

L’alladiese Patrizia Paglia, amministratore delegato della Iltar-Italbox Industrie Riunite di Bairo, è il nuovo presidente di […]

leggi tutto...

24/09/2018

Rivarolo: i misteri del Vaticano nel dibattito tra Fabrizio Bertot e Francesca Immacolata Chaouqui

Sarà una serata destinata ad accendere la curiosità ma che farà anche discutere: nel contesto della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy