Cuorgnè, è ancora polemica per i dossi. Il sindaco Pezzetto: “La sicurezza innanzi tutto”

Cuorgnè

/

23/12/2015

CONDIVIDI

La polemica è nata e si è sviluppata sui social network. Il primo cittadino snocciola i dati: rispetto a quattro anni fa il numero di incidenti e feriti si è dimezzato

I dossi che l’Amministrazione comunale ha installato in via Torino e in altre strade del concentrico, se hanno a suo tempo riscosso il plauso dei residenti che ne avevano fatto richiesta, non piacciono a una parte della popolazione cuorgnatese. E’ soprattutto sui social network, in particolar modo su Facebook, che si è innescata la protesta. Anche nel presepe allestito nel teatro comunale la strada che conduce alla capanna della Natività è ironicamente corredata dai “famigerati” dossi. E poi commenti salaci, malcontento, critiche a volte pesanti, tanto da attribuire al primo cittadino lo scherzoso soprannome di Beppe “Dossetto”: il sindaco Beppe Pezzetto, non se ne dà per inteso.

L’Amministrazione ha agito per il meglio e in special modo in seguito alle segnalazioni e alle insistenti richieste dei cittadini che erano esasperati dall’alta velocità con la quale gli automobilisti percorrevano le strade cittadine mettendo in questo modo a rischio l’incolumità delle persone. Gl’incidenti, anche mortali, sono la concreta testimonianza dell’inciviltà e della mancanza di responsabilità di molti automobilisti. E che dire di chi si lamenta che le ambulanze sono costrette a rallentare nei momenti in cui devono correre a sirene spiegate per salvare vite umane? “Ne ho sentito parlare anch’io e devo invece concludere che, dopo aver parlato con i responsabili della Croce Rossa e della Croce Bianca, si è sollevato un falso problema. Anzi, la strada che conduce alla struttura ospedaliera è l’unica che ha subito una radicale riasfaltatura. Per quanto concerne i dossi, mi dispiace per coloro che non ne apprezzano l’installazione, ma è un dato di fatto che l’Amministrazione ha ricevuto da altri cittadini residenti in altri quartieri del paese, la richiesta di procedere alla realizzazione di analoghi dissuasori di velocità. E’ meglio dar retta a una minoranza di scontenti o chi richiede di poter attraversare le strade comunali in sicurezza? La risposta mi pare del tutto ovvia”.

Per il sindaco Pezzetto amministrare è una questione anche e, soprattutto di priorità. I dati statistici elaborati dal comando della polizia municipale, d’altro canto, rivelano una significativa diminuzione degli incidenti stradali nel concentrico urbano. In sintesi: nel 2010 si sono verificati 45 sinistri che hanno provocato 10 feriti; nel 2012 sono stati rilevati dagli agenti della polizia municipale 32 incidenti e 10 feriti; nel 2014 il decremento è più significativo: 27 sinistri e 10 feriti. Dall’inizio del 2015 a metà settembre il bilancio è di 9 incidenti e 5 feriti. “Mi pare che i numeri parlino chiaro: l’installazione dei dissuasori di velocità ha prodotto risultati più che positivi. Meglio andar piano che incorrere in salate contravvenzioni. La nostra azione si basa su questo concetto. Dopodichè chi ha fretta, può evitare di percorrere via Torino e usare la bretella stradale che circumnaviga la città. Dove sta il problema?”.

Dov'è successo?

Leggi anche

Rivarolo Canavese

/

21/11/2017

Service dei Rotary Club di Cuorgnè, Canavese e di Ivrea, per alleviare la solitudine degli anziani

E’ stato denominato “Rompere la Solitudine” Il service del Rotary Cub Cuorgnè e Canavese a favore […]

leggi tutto...

Ivrea

/

21/11/2017

Asl To4: ostetrica nei consultori familiari dell’Asl To4. L’accesso è possibile senza prenotazione

La riorganizzazione della rete dei Consultori Familiari dell’Azienda, diretti dal dottor Fabrizio Bogliatto, è stata portata […]

leggi tutto...

Mazzé

/

21/11/2017

Tonengo di Mazzè: aggredisce tre persone in pasticceria prima di essere bloccato dai carabinieri

Momenti di panico l’altro giorno in frazione Tonengo di Mazzè, nel cuore del Canavese: un uomo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy