Cuorgnè: il bar-birreria era frequentato da troppi pregiudicati. E il questore lo chiude per 15 giorni

Cuorgnè

/

02/02/2019

CONDIVIDI

Serrande abbassate per lo storico locale "Commercio" di piazza Pinelli. Negli ultimi 16 mesi sono stati chiusi per il medesimo periodo e per lo stesso motivo altri tre locali in paese

Chiuso per 15 giorni perchè frequentato da troppi clienti pregiudicati: i carabinieri della stazione di Cuorgnè hanno notificato al titolare dell’esercizio commerciale la sospensione dell licenza dispoosta dal Questore di Torino. Per 15 giorni, dunque, la storica birreria “Commercio” di piazza Pinelli dovrà tenere le serrande abbassate. Il provvedimento è frutto di numerosi controlli effettuati dagli uiomini della Compagnia di Ivrea nel contesto dei servizi di monitoraggio e prevenzione dei reati.

In questa occasione i carabinieri hanno proceduto all’identificazione degli avventori, documentando una significativa e frequente presenza di persone pregiudicate e/o pericolose. A questo punto i militari dell’Arma di Cuorgnè hanno provveduto a segnalare la situazione alla Questura di Torino che ha poi emesso il provvedimento di sospensione dell’attività

Negli ultimi 16 mesi sono stati chiusi per il medesimo periodo e per lo stesso motivo, altri tre locali a Cuorgnè: il bar Jolly, il Bar della stazione e il bar Stella, questi ultimi due gestiti da cinesi.

La legge in vigore stabilisce che “Il ritrovo di soggetti pericolosi contribuisce all’incremento dei fenomeni delinquenziali nella zona”.
La misura cautelare, prevista dall’ex articolo 100 del Tulps, ha lo scopo di “prevenire il ritrovo di soggetti potenzialmente pericolosi per l’ordine pubblico e garantire la sicurezza dei cittadini”.

E il Questore di Torino ha provveduto di conseguenza.

Leggi anche

06/04/2020

Coronavirus, due vittime a Bosconero e due a San Maurizio. Sette i deceduti in un giorno in Canavese

Giornata nera per il Canavese che deve registrare 7 decessi a causa del Covid-19: due pazienti […]

leggi tutto...

06/04/2020

Coronavirus: il consigliere regionale Daniele Valle (Pd): “Pochi tamponi nelle case di riposo”

Il consigliere regionale del Partito Democratico Daniele Valle non ha dubbi per quanto riguarda l’emergenza Coronavirus: […]

leggi tutto...

06/04/2020

Coronavirus, a Rivara la prima vittima da Covid-19. Il sindaco: “Ci stringiamo intorno alla famiglia”

Aveva 66 anni Salvatore Cordì ed era lo storico titolare del caffè che si trova nei […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy