Crack Asa: la Corte d’Appello dà ragione ai sindaci. I Comuni non dovranno pagare i debiti

28/11/2019

CONDIVIDI

La sentenza è stata pubblicata nella mattinata di oggi, giovedì 28 novembre. La scelta di ricorrere si è rivelata vincente. La soddisfazione degli amministratori che tirano un sospiro di sollievo

Buone notizie per i comuni coinvolti nel crack dell’Asa: la Corte di Appello di Torino ha sentenziato che gli enti locali non dovranno sborsare neanche un euro per ripianare gl’ingenti debiti accumulati dall’ex società consortile che gestiva la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti di oltre 50 comuni. La scelta dei sindaci di ricorrere alla Corte d’Appello, anche se la sentenza di primo grado aveva ridotto il pagamento da 14 milioni a 9 milioni di euro, si è rivelata vincente.

Sul tavolo c’erano 9 milioni di euro relative alle perdite inscritte nel biennio 2008-2010. Una bella batosta per i comuni: a conti fatti Rivarolo Canavese avrebbe dovuto pagare 2 milioni di euro circa e 150 mila euro Valperga, tanto per fare alcuni esempi. Denaro che era stato forzatamente accantonato per pagare i debiti in caso di sentenza sfavorevole. “E’ una notizia più che positiva – commenta il sindaco di Valperga Fausto Francisca -. Quella spada di Damocle dell’Asa pendeva sulla testa dell’amministrazione ci impediva di utilizzare fondi importanti per la comunità”.

La sentenza è stata depositata, come comunica l’avvocato Carlo Emanuele Gallo in una e-mail inviata a tutti i sindaci interessati, nella mattinata di oggi, giovedì 28 novembre. “Comunico con molto piacere anche a nome del professor Cavallo Perin che la Corte d’Appello – scrive il legale – ha integralmente accolto le nostre opposizioni, dichiarando che nulla è dovuto dalle Comunità montane, dalla Unioni e dai Comuni ad Asa e Unicredit. La soddisfazione è particolarmente rilevante tenuto conto della complessità della vicenda, che indotto la Corte d’Appello a compensare le spese”.

La sentenza sancisce, quindi, che il Lodo Asa che aveva condannato i comuni a pagare, è formalmente nullo.

Leggi anche

27/02/2020

San Carlo Canavese: bandito solitario rapina un supermercato e si dilegua con il bottino

Ha colpito poco prima della chiusura serale: un uomo, con il viso parzialmente nascosto da un […]

leggi tutto...

27/02/2020

Truffa coronavirus: mascherine vendute a 5 mila euro. Maxi sequestro della Guardia di Finanza

Fino a 5 mila euro per una confezione contenente 5 mascherine filtranti: contro il fenomeno dello […]

leggi tutto...

27/02/2020

Coronavirus, boom di chiamate al nuovo numero verde della Regione. Ben 1.850 in poche ore

Le chiamate al nuovo numero verde sanitario istituito martedì 25 febbraio dalla Regione Piemonte sul “coronavirus […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy