“Costretti a rattoppare le vecchie divise”: l’Osapp denuncia la carenza di uniformi a Ivrea

Ivrea

/

05/01/2017

CONDIVIDI

Da dieci anni non arrivano le forniture. Il sindacato autonomo denuncia una situazione che non ha precedenti

Una delle tante vergogne italiane. E tanto più vergognosa perché riguarda gli agenti di polizia penitenziaria che costituiscono una delle forze di polizia dello Stato, incaricata di svolgere il servizio presso carceri e penitenziari italiani: da anni le divise e egli anfibi degli agenti: giacconi scarponcini, denuncia l’Osapp, il sindacato che tutela e rappresenta gli agenti della polizia penitenziaria, sono logori, pieni di buchi che gli agenti si premurano di rattoppare.

Il problema è comune a tutte le carceri piemontesi ed è più che reale come testimoniano le immagini fotografiche che pubblichiamo e ogni altro commento sarebbe inutile. “Le situazioni più gravi sono a Torino, Ivrea, Saluzzo e Asti – scrive il sindacato in un comunicato -. Gli agenti usano le vecchie divise logore rattoppate perché mancano le uniformi multi stagionali e gli anfibi”.

A giudizio dell’organizzazione sindacale gli agenti in servizio al “Lorusso Cotugno” di Torino attendono di ricevere le camicie estive da dieci anni. “Le divise invernale sono consumate e gli agenti hanno freddo – dichiarano i vertici dell’Osapp -. Ne va della salute del personale.  Agli agenti vengono prese le misure per le nuove divise ma nessuno consegna le nuove forniture”. Una situazione che, più che paradossale, sa di beffa. E non è tutto: le proteste riguardano anche lo stato della strada di accesso al carcere torinese, piena di pericolose buche e il cattivo odore che si leva, da qualche tempo, dai sotterranei del carcere.

L’Osapp, nel sottolineare che l’odore disgustoso rene difficili le condizioni di lavoro, chiede che ne venga appurata l’origine e che venga verificato che i cattivi odori non nuocciano alla salute degli agenti in servizio.

Dov'è successo?

Leggi anche

Castellamonte

/

24/11/2017

Castellamonte, in biblioteca il laboratorio creativo per trasformare in doni gli oggetti riciclati

E’ dedicato alle imminenti feste natalizie il laboratorio creativo dal titolo “Aspettando il Natale…” per bambini […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

24/11/2017

Liceo linguistico al “Moro” di Rivarolo: è finalmente arrivato l’assenso della Città Metropolitana

L’Istituto di Istruzione Superiore “Aldo Moro” di Rivarolo Canavese potrà contare dal prossimo anno scolastico, su […]

leggi tutto...

Caselle

/

24/11/2017

La procura ha incaricato il casellese Mauro Esposito di far luce sulla tragedia di piazza San Carlo

Sarà l’architetto casellese Mauro Esposito, l’imprenditore casellese  testimone di giustizia che ha svelato la presenza della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy