“Costretti a rattoppare le vecchie divise”: l’Osapp denuncia la carenza di uniformi a Ivrea

Ivrea

/

05/01/2017

CONDIVIDI

Da dieci anni non arrivano le forniture. Il sindacato autonomo denuncia una situazione che non ha precedenti

Una delle tante vergogne italiane. E tanto più vergognosa perché riguarda gli agenti di polizia penitenziaria che costituiscono una delle forze di polizia dello Stato, incaricata di svolgere il servizio presso carceri e penitenziari italiani: da anni le divise e egli anfibi degli agenti: giacconi scarponcini, denuncia l’Osapp, il sindacato che tutela e rappresenta gli agenti della polizia penitenziaria, sono logori, pieni di buchi che gli agenti si premurano di rattoppare.

Il problema è comune a tutte le carceri piemontesi ed è più che reale come testimoniano le immagini fotografiche che pubblichiamo e ogni altro commento sarebbe inutile. “Le situazioni più gravi sono a Torino, Ivrea, Saluzzo e Asti – scrive il sindacato in un comunicato -. Gli agenti usano le vecchie divise logore rattoppate perché mancano le uniformi multi stagionali e gli anfibi”.

A giudizio dell’organizzazione sindacale gli agenti in servizio al “Lorusso Cotugno” di Torino attendono di ricevere le camicie estive da dieci anni. “Le divise invernale sono consumate e gli agenti hanno freddo – dichiarano i vertici dell’Osapp -. Ne va della salute del personale.  Agli agenti vengono prese le misure per le nuove divise ma nessuno consegna le nuove forniture”. Una situazione che, più che paradossale, sa di beffa. E non è tutto: le proteste riguardano anche lo stato della strada di accesso al carcere torinese, piena di pericolose buche e il cattivo odore che si leva, da qualche tempo, dai sotterranei del carcere.

L’Osapp, nel sottolineare che l’odore disgustoso rene difficili le condizioni di lavoro, chiede che ne venga appurata l’origine e che venga verificato che i cattivi odori non nuocciano alla salute degli agenti in servizio.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/01/2018

Volpiano: tornano in piazza del Municipio le arance della salute” per combattere il cancro

Si rinnova anche quest’anno il tradizionale appuntamento nelle piazze con i volontari dell’Airc, l’associazione che finanzia […]

leggi tutto...

17/01/2018

San Maurizio: automobilisti troppo veloci. Velox nelle strade per la sicurezza dei pedoni

Gli automobilisti in disciplinati (e non sono pochi) scambiano le strade per il circuito di Formula […]

leggi tutto...

17/01/2018

Il commosso addio di Rivarolo al dottor Giovanni Provenzano, ex assessore della giunta Gaetano

E’ scomparso nella giornata di oggi, mercoledì 17 gennaio, dopo una lunga lotta con la malattia […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy