Confindustria lancia il Piano Territoriale basato sullo sviluppo turistico

Pavone

/

22/03/2016

CONDIVIDI

Positivo confronto su un nuovo modello strategico di sviluppo economico tra operatori, imprenditori e Regione Piemonte

E’ possibile dare vita a un modello di turismo sostenibile? Un Piano Industriale per il Canavese che abbia come perno la varlorizazione delle bellezze artistiche e paesaggistiche del Canavese, in armonia con l’Industria e la Formazione, ha un senso? Per Confindustria Canavese la risposta è positiva. Tanto che su questo tema è stato organizzato ieri, lunedì 21 marzo, al castello di Pavove Canavese un convegno promosso dalle associazioni che aderiscono al Tavolo del Turismo del Canavese. Alla discussione hanno preso parte un centinaio di operatori del settore, rappresentanti delle istituzioni, opinion leader e stakeholdes.

Interessanti le conclusioni: si possono sviluppare sia un modello di turismo sostenibile e sia la realizzazione di un Piano Strategico basato sulla condivisione e sinergia tra economia territoriale e istituzioni politiche, dove il turismo potrebbe ricoprire un ruolo centrale. Fabrizio Gea, presidente di Confindustria Canavese, ha spiegato che lo sviluppo turistico deve necessariamente passare attraverso un modello di valorizzazione e comunicazione unitario. In quest’ottica la parte strategica già condivisa e definita, deve lasciare spazio a un percorso più operativo, ossia alla realizzazione di un Piano Industriale all’interno del quale il turismo ricopre un ruolo centrale.

“Siamo convinti che lo sviluppo turistico del nostro territorio passi attraverso un modello di valorizzazione e comunicazione unitario dove, la parte strategica già condivisa e definita, lasci spazio ad un percorso più operativo, ossia alla realizzazione di un Piano Industriale per il Canavese, come strumento di partnership politico-socio-economico territoriale  – ha detto Fabrizio Gea, in apertura dei lavori -. Un piano industriale basato su quattro direttrici: Industria e Attività Produttive, Infrastrutture e Trasporti, Formazione e Istruzione e naturalmente Turismo Cultura e Sport”. 

La Costruzione di una rete diventa di fondamentale importanza per fare in modo che si possa costituire un sistema solido e che possa offrire occasioni importanti di sviluppo economico. L’assessore alla Cultura e Turismo della regione Piemonte Antonella Parigi, ha posto l’accento sulla riforma della legge sul Turismo e la realizzazione di una piattaforma turistica condivisa, alla quale l’Esecutivo regionale sta attivamente lavorando. Nel contesto dei lavori sono anche intervenuti l’onorevole Umberto D’Ottavio e l’onorevole Francesca Bonomo, Erica Ferlito. Rappresentante di Manital Spa ha illustrato un progetto di riqualificazione e valorizzazione territoriale mentre Maria Aprile ha sottolineato le potenzialità dello sviluppo turistico del Canavese. Dal canto suo la presidente dell’ente Turismo Torino e Provincia, Daniela Broglio ha illustrato, alla folta platea i numerosi progetti di sviluppo turistico ai quali hanno collaborato esperti di un certo rilievo. Va da sé che dal confronto nasca qualcosa di davvero serio e che oltre all’impegno degli operatori e imprenditori ci sia quello delle istituzioni con il varo di una strategia a medio e lungo termine che comporterà ingenti investimenti economici.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/01/2018

Volpiano: tornano in piazza del Municipio le arance della salute” per combattere il cancro

Si rinnova anche quest’anno il tradizionale appuntamento nelle piazze con i volontari dell’Airc, l’associazione che finanzia […]

leggi tutto...

17/01/2018

San Maurizio: automobilisti troppo veloci. Velox nelle strade per la sicurezza dei pedoni

Gli automobilisti in disciplinati (e non sono pochi) scambiano le strade per il circuito di Formula […]

leggi tutto...

17/01/2018

Il commosso addio di Rivarolo al dottor Giovanni Provenzano, ex assessore della giunta Gaetano

E’ scomparso nella giornata di oggi, mercoledì 17 gennaio, dopo una lunga lotta con la malattia […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy