La Fondazione Crt stanzia quasi due milioni di euro per i tirocini all’estero dei giovani diplomati

Canavese

/

16/01/2017

CONDIVIDI

Potranno partecipare al bando di concorso 400 studenti del Piemonte e della Valle d'Aosta che avranno l'opportunità di compiere uno stage di tre mesi all'estero sui progetti redatti dalle scuole

L’obiettivo dello stanziamento deciso dalla Fondaczione Crt di Torino? Quello di consentire agli studenti che si diplomeranno quest’anno di compere un’esperienza di lavoro all’estero per sei mesi. È aperto fino al 17 febbraio sul sito www.fondazionecrt.it il nuovo bando “Talenti Neodiplomati”, che mette a disposizione 1,8 milioni di euro. Circa 400 studenti che si diplomeranno quest’anno potranno fare un’esperienza di lavoro all’estero di tre mesi, partecipando ai progetti presentati dalle scuole. I ragazzi che partiranno la prossima estate si aggiungeranno ai 3 mila  “colleghi” che, finora, hanno varcato i confini dell’Italia verso oltre 40 destinazioni europee: da Vilnius a Dublino, da San Pietroburgo a Malta, da Barcellona a Copenaghen. L’investimento economico della Fondazione CRT per i “Talenti Neodiplomati” è arrivato a toccare i 12 milioni di euro complessivi in tredici anni.

“Talenti Neodiplomati” è rivolto agli istituti di istruzione secondaria di secondo grado del Piemonte (anche del Canavese, ovviamente) e della Valle d’Aosta, che prevedano l’attivazione di tirocini full-time all’estero per i propri neodiplomati, per un periodo non inferiore a 12 settimane. I ragazzi hanno l’opportunità di vivere un’esperienza oltre confine, toccando con mano il mondo del lavoro in enti e aziende che operano nei più svariati settori: dai charity shop alle aziende informatiche, dalle attività nelle scuole, nelle biblioteche e nelle palestre alle aziende ittiche e ai club nautici, dagli alberghi e dalle boutique alle officine meccaniche.

“Talenti Neodiplomati” promuove e sviluppa le abilità e le competenze dei giovani, favorendone la crescita personale in un contesto interculturale – sottolinea il segretario generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci –. Questo nostro progetto permette l’ampliamento dell’offerta formativa degli istituti scolastici, incoraggiando la creazione di una rete europea tra la scuola e il mondo del lavoro”.

“Quest’anno intendiamo valorizzare ulteriormente la progettazione propria delle scuole, cioè la creazione di partnership dirette tra i nostri istituti scolastici e soggetti pubblici o senza scopo di lucro di altri Paesi Europei, quali centri di formazione, istituzioni locali e altre scuole. L’obiettivo è la creazione di reti solide e durature, i cui membri condividano, pur in modi diversi, una vocazione comune: sostenere i giovani talenti – conclude Massimo Lapucci -. In tal modo, le esperienze all’estero dei ragazzi diventano più efficaci e complete. Sappiamo che ciò richiede un forte impegno da parte dei docenti, ed è per questo che nel bando c’è spazio anche per loro con appositi momenti di formazione: una sfida che, ne sono certo, le scuole accetteranno con la consueta passione”.

 

 

Dov'è successo?

Leggi anche

20/06/2018

La procura d’Ivrea apre un fascicolo sull’assassinio in Colombia dell’impresario di Barbania e della moglie

Anche la procura di Ivrea indaga sul duplice omicidio nel quale hanno perso la vita l’impresario […]

leggi tutto...

19/06/2018

Salassa: perde il controllo della Fiat Panda e invade la corsia opposta. Incidente sulla Pedemontana

L’ex strada statale “Pedemontana” è stata ancora una volta teatro di un incidente stradale: per cause […]

leggi tutto...

19/06/2018

Ciclismo femminile: Agliè protagonista dei Campionati Italiani. 250 le atlete coinvolte

Domenica 24 giugno saranno più di 250 le atlete che gareggeranno al ​Campionato Italiano di ciclismo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy