Coassolo: morì a 6 anni durante un rally travolto da un’auto. I genitori non sono responsabili

Coassolo

/

30/11/2018

CONDIVIDI

Sono ancora sette gl'indagati dalla procura di Ivrea con l'accusa di omicidio colposo

Per il pubblico ministero Daniere Iavarone della procura di Ivrea, che coordina le indagini sulla morte di Aldo Ubaldi il bambino di 6 anni che ha perso la vita nell’incidente nel corso di un rally automobilistico a Coassolo, i genitori della vittima non hanno nessuna responsabilità in relazione al tragico incidente. Il drammatico episodio ebbe luogo il 27 maggio 2017. Il pm, sulla scorta di queste considerazioni ha chiesto l’archiviazione della posizione giudiziaria del papà Giacomino Ubaldi e della mamma Valeria Bellino Roci.

Al momento sono ancora sette le persone indagate per quella morte. La coppia è assistita dall’avvocato Davide Nizza e ha preannunciato di volersi costituire parte civile nel processo penale. Glia lari indagati sono accusati di omicidio colposo.

Nel corso della indagini è stato acclarato che Cristian Milano, che si trovava alla guida dell’auto sportiva che nell’uscita di strada aveva travolto e ucciso il bambino, era stato colto da un improvviso malore che gli aveva fatto perdere il controllo della vettura.

Dov'è successo?

Leggi anche

31/05/2020

Coronavirus in Piemonte: 9 i pazienti deceduti, 325 i guariti rispetto a ieri e 54 i nuovi contagiati

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che oggi, domenica 31 maggio, i pazienti virologicamente […]

leggi tutto...

31/05/2020

Rivarolo, “Aiutaci ad aiutare”. Ecco come destinare il 5X1000 ai Vecchi Pompieri 1912 Onlus

Sono sempre attivi i membri dell’Associazione “Vecchi Pompieri 1912” di Rivarolo Canavese, che in questi mesi […]

leggi tutto...

31/05/2020

Turismo in Canavese: riaprono le strade provinciali delle Valli di Lanzo e della Valle Orco

Rese famose in tutto il mondo dal passaggio del Giro d’Italia al Colle delle Finestre e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy