Ciriè: era un dipendente Iveco l’uomo trovato cadavere nei boschi. S’indaga per omicidio

Ciriè

/

11/10/2016

CONDIVIDI

Troppi particolari non quadrano ancora in questo strano caso di apparente suicidio. Il procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando non esclude nessuna ipotesi

Era un dipendente dell’Iveco l’uomo di 49 anni ritrovato cadavere tra i boschi a Devesi di Ciriè, in località Robaronzino. L’esame autoptico eseguito dal medico legale su disposizione della magistratura ha evidenziato che il decesso è stato causato da un proiettile esploso da un mini-revolver dalla provenienza ancora non accertata.

Uno strano suicidio e, soprattutto, ancora inspiegabile. Il ritrovamento del corpo esanime del dipendente Iveco ha avuto luogo nella mattinata di domenica 9 ottobre. Su questo decesso il procuratore capo di Ivrea ha aperto un fascicolo per omicidio a carico di ignoti allo scopo di poter indagare in tutte le direzioni e senza escludere nessuna ipotesi.

Quello che a investigatori e inquirenti appare strano è che l’uomo non abbia lasciato nessun biglietto nel quale spiegava l’insano gesto compiuto a poca distanza dall’abitazione nella quale abitava con la figlia minorenne.

Ed è ancora più strano che possa avere deciso di porre fine ai suoi giorni di punto in bianco perché amici e vicini di casa lo descrivono come una persona serena, senza nemici, solare e generosa. Una delle ipotesi che si stanno esplorando è quella che questa morte apparentemente ancora senza un giustificato motivo possa essere riconducibile all’ambiente professionale.

Per questa ragione i carabinieri della tenenza di Ciriè raccoglieranno le deposizioni di alcuni ex colleghi dell’uomo nella speranza di poter iniziare a dipanare questa intricata matassa.

Dov'è successo?

Leggi anche

22/01/2020

Caselle: Leonardo Divisione Velivoli assume 40 operai. La Fim: “Segnale importante per il lavoro”

Millecento uscite volontarie alle quali fanno da contraltare altrettante assunzioni di personale negli stabilimenti di tutta […]

leggi tutto...

22/01/2020

Venaria: va a prelevare al bancomat, lascia l’auto con il motore acceso e un ladro gliela ruba sotto il naso

Venaria: va a prelevare al bancomat, lascia l’auto con il motore acceso e un ladro gliela […]

leggi tutto...

22/01/2020

Lotta al pellet non a norma: istituita una task force fra Regione, Arpa e carabinieri del Nucleo forestale

Una task force con 10 squadre in campo per passare al setaccio i materiali combustibili in […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy