Ciriè, rubavano e dormivano nelle case razziate. Sgominata la “banda dei moldavi”

07/08/2017

CONDIVIDI

I carabinieri hanno arrestato tre uomini ritenuti responsabili di aver compiuto una trentina di "colpi". Restituiti 750 mila euro di refurtiva. E' caccia agli altri componenti dell'organizzazione

I tre membri della famigerata “banda dei moldavi” sgominata dai carabinieri, rubavano di tutto senza né preferenze e neanche distinzioni: motori per aerei ultraleggeri, salami, generi alimentari e attrezzi per il giardinaggio. I tre ladri “visitavano” di norma seconde case ed erano più che attrezzati e spesso dormivano nei sacchi a pelo nelle abitazioni razziate.

Il 5 agosto scorso, a Torino e Comacchio (Ferrara), i carabinieri della Compagnia di Venaria, in collaborazione con i militari territorialmente competenti, hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a tre moldavi tra i 23 e 39 anni.

Le accuse non sono di poco conto: i tre uomini finiti in manette dovranno rispondere a vario titolo di furto aggravato e di ricettazione. Al termine delle indagini coordinate dalla procura del tribunale di Ivrea, i carabinieri hanno denunciato anche un moldavo di 33 anni, residente a Ciriè.

A giudizio di inquirenti e investigatori i tre uomini di origine moldava avrebbero messo a segno una trentina di furti nell’arco temporale che va da agosto e novembre 2016 ad Asti, Torino e Provincia, Aosta, Cuneo, Biella e Vercelli.

Nel mirino della banda finivano regolarmente officine meccaniche, abitazioni private, esercizi pubblici, campi volo e aziende agricole. Gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto una vera montagna di oggetti rubati dei generi più disparati e hanno restituito ai legittimi proprietari circa 750 mila euro di merce trafugata che era destinata ad essere inviata in Romania.

Le indagini proseguono serrate: l’intenzione di far scattare le manette ad altri membri dell’organizzazione.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/10/2019

Cuorgnè: è attivo lo sportello d’ascolto per aiutare le donne vittime di maltrattamenti e violenza

L’Amministrazione Comunale della Città di Cuorgnè è ormai da diversi anni in prima linea nella lotta […]

leggi tutto...

16/10/2019

Castellamonte, in primavera il trasferimento del distaccamento dei vigili del fuoco nella nuova sede

Avrà luogo la prossima primavera il tanto atteso trasferimento del distaccamento volontario dei vigili del fuoco […]

leggi tutto...

16/10/2019

Rivara: il sacerdote antimafia don Luigi Ciotti inaugura l’anno accademico dell’Unitre

È stata una grande giornata quella di ieri, 15 ottobre, per l’Unitre di Rivara-Alto Canavese. In […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy