Ciriè, morì mentre confezionava panettoni. I titolari accusati di omicidio colposo

Ciriè

/

09/03/2017

CONDIVIDI

Il giovane di 23 anni aveva abitato per diversi anni in città prima di trasferirsi con la famiglia a Val Della Torre

Le indagini e gli accertamenti tecnici hanno consentito di appurare che il macchinario al quale lavorava Matteo Bianchi, 23 anni, dipendente dell’industria dolciaria “La Torinese” conosciuta per la produzione di panettoni, non era a norma. Il giovane deceduto era deceduto a causa di un tragico infortunio lo scorso 2 dicembre nello stabilimento torinese.

La consulenza tecnica richiesta dal pubblico ministero della procura di Torino Vincenzo Pacileo ha appurato che il macchinario che ha schiacciato la testa del giovane era prima di sistemi di protezione che avrebbero potuto evitare l’infortunio mortale. I titolari dell’industria dolciaria “La Torinese” sono stati iscritti nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio colposo.

Matteo Bianchi risiedeva con la famiglia a Val della Torre ma per alcuni anni aveva abitato a Ciriè dove aveva frequentato l’istituto scolastico “Albert” di Lanzo e aveva giocato nella squadra di basket Nole-Ciriè.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/01/2018

Leinì, donna entra al Pam e ruba cinque bottiglie di champagne. Invece di fare festa è finita in carcere

E’ entrata nel centro commerciale Pam di Leinì già con l’intenzione di rubare quelle cinque bottiglie […]

leggi tutto...

16/01/2018

Favria, rivoluzione in Comune. Parte l’informatizzazione degli uffici. Investiti 59mila euro

Il Comune di Favria ha avviato un progetto di informatizzazione degli uffici comunali che andrà avanti […]

leggi tutto...

16/01/2018

Ivrea, i teppisti riempiono di schiuma le auto in sosta. La Lega Nord: “In città troppi atti vandalici”

Troppi atti vandalici in città e la Lega Nord Canavese ritiene che sia ora di porre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy