Ciriè: giovane aggredisce educatore in parrocchia. L’uomo ha subito il distacco della retina

Ciriè

/

26/10/2017

CONDIVIDI

Il ragazzo aveva portato con sé un cane che intralciava il gioco dei ragazzi. L'educatore lo ha invitato a far uscire l'animale dal campo di calcio ed è scattata la violenza

Nessuno in quella parrocchia si sarebbe mai aspettato che un ragazzo di appena diciottenne aggredisse un educatore di quarant’anni e con una violenza tale da provocargli il distacco della retina all’occhio sinistro a causa di un pugno. E’ accaduto nei giorni scorsi nel campetto di calcio della parrocchia Magnetti di Ciriè.

Il grave episodio di violenza sembra sia stato originato dal fatto che l’educatore (uno dei volontari che si occupano della gestione della struttura sportiva), aveva invitato il giovane a far uscire dal campo il cane che aveva portato con sè e che intralciava il gioco di altri ragazzi.

L’aggressione è stata fulminea; oltre al grave distacco della retina l’uomo ha riportato anche la frattura di un dito. L’aggredito è stato trasportato in ospedale dove è stato sottoposto ad un delicatissimo intervento chirurgico all’occhio.

Nella colluttazione sono stati coinvolti altri giovani divisi in chi spalleggiava l’aggressore e chi difendeva deva l’educatore aggredito. Non è la prima volta che in quella parrocchia si verificano episodi di violenza tanto che il parroco don Alessio Tognolo ha stabilito che ad accedere alla struttura sportiva parrocchiale dovranno essere i ragazzi dai 14 anni in giù.

Il parroco non fa mistero del suo grande dispiacere per un atto violento e gratuito compiuto davanti a tanti bambini ma ribadisce, d’altro canto, che non tutti i ragazzi sono come come quello che ha aggredito l’educatore. Sul gruppo che ha aggredito il volontario stanno indagando gli agenti della polizia municipale di Ciriè: l’accusa è di lesioni aggravate e sfocerà con ogni probabilità in un’inchiesta penale.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/10/2019

Pont Canavese: riprendono le ricerche per risolvere il “giallo” della scomparsa di Elisa Gualandi

Svanita nel nulla: il “giallo” che circonda la scomparsa di Elisa Gualandi, 54 anni, impiegata al […]

leggi tutto...

18/10/2019

Piemonte e Canavese: 35 milioni dal ministero dell’Ambiente contro il rischio idrogeologico

Sono quasi 35 i milioni di euro assegnati dal Ministero dell’Ambiente al Piemonte per la mitigazione […]

leggi tutto...

18/10/2019

Il Canavese al Rallylegend di S. Marino: l’equipaggio Diaco-Sparvieri conquista il 3° posto di classe

Successo canavesano al Rallylegend di San Marino. L’equipaggio canavesano Diaco-Sparvieri, firmato Team Fast Drivers, ha conseguito […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy