Ciriè: in casa nascondeva proiettili e passamontagna. E dai “domiciliari” finisce direttamente in cella

04/05/2018

CONDIVIDI

A finire in carcere è stato un trentenne con precedenti penali. Il materiale è stato sequestrato

Si trovava agli arresti domiciliari, ma quando i carabinieri hanno scoperto che in casa aveva proiettili e un passamontagna, la procura di Ivrea ha emesso un decreto di sospensione della misura della detenzione domiciliare. A tornare in cella al carcere di Ivrea, ieri giovedì 3 maggio, è stato Cristian Truisi, 30 anni, residente a Ciriè e con precedenti penali alle spalle.

I carabinieri della tenenza di Ciriè hanno riscontrato e dimostrato che l’uomo, durante la detenzione in casa propria ha in più occasioni violato le prescrizioni della magistratura. Oltre a 12 proiettili di vario calibro e il passamontagna, gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto anche un rilevatore di frequenze utilizzato per la ricerca di microspie.

Tutto il materiale è stato sequestrato e l’uomo è stato condotto in carcere dove sconterà la pena residua.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/09/2019

Volpiano: sì alla messa in sicurezza della “provinciale” per Leinì, teatro di incidenti mortali

La questione della pericolosità di un tratto della Strada Provinciale 500 a Volpiano, all’incrocio con via […]

leggi tutto...

18/09/2019

Ceresole Reale: escursione guidata in E-bike alla scoperta dei tesori del Parco del Gran Paradiso

L’obiettivo è quello di promuovere il territorio e il turismo locale: in questo contesto il bar […]

leggi tutto...

18/09/2019

Ivrea, la Manital finisce in tribunale. Sul futuro dell’azienda deciderà il giudice fallimentare

Amministrazione controllata per la Manital di Ivrea? A decidere sull’ammissibilità per insolvenza saranno i giudici del […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy