Ciriè, barista rapinata da un bandito solitario che fugge in auto con un bottino di 2 mila 500 euro

Ciriè

/

11/11/2017

CONDIVIDI

Il malvivente è entrato nel bar alle 6,45 del mattino mentre la titolare si trovava in cucina. Indagano i carabinieri

L’ultima cosa che Cesarina Santoiemma si aspettava nella mattinata di mercoledì 8 novembre, intorno alle 6,45, era quella di essere rapinata da un bandito solitario che le ha portato via l’incasso dei giorni precedenti. E’ accaduto nel bar Biker’s situato in via Paolo Braccini 28 a Ciriè. La donna era intenta a lavorare nella cucina del locale per preparare le brioches da servire ai clienti quando ha sentito un rumore sospetto venire dal locale. Convinta che nel bar fosse entrato un cliente si è invece trovata di fronte ad u n uomo mascherato che, dopo averla minacciata con un coltello, si è fatto consegnare il borsello contenente il denaro ed è fuggito.

La donna ha provato ad inseguirlo, ma l’uomo l’ha minacciata di morte e, dopo essere salito su un’auto, si rapidamente dileguato. Dopo essere rientrata nel bar Cesarina Santoiemma ha chiamato i carabinieri della tenenza di Ciriè che hanno iniziato le indagini per risalire all’identità del rapinatore solitario.

Purtroppo, nella concitazione della rapina e nel breve inseguimento, la donna non è riuscita a fornire dettagli utili per le indagini. Il bandito è fuggito con un bottino di 2 mila 500 euro.

Dov'è successo?

Leggi anche

Rivarolo Canavese

/

22/11/2017

Rivarolo Canavese, la Città Metropolitana ribadisce il no alla sezione di liceo linquistico all’Aldo Moro

Nuovo diniego della Città Metropolitana all’istituzione di una sezione del liceo linquistico a Rivarolo Canavese: per […]

leggi tutto...

Ivrea

/

22/11/2017

Ivrea, studentessa accoltella e ferisce alla gamba una rivale in amore alla fermata del bus

Ha atteso la rivale in amore alla fermata del pullmann e poi l’ha accoltellata. E’ successo […]

leggi tutto...

Chivasso

/

22/11/2017

I carabinieri stroncano il narcotraffico tra Spagna e Italia. In manette anche due canavesani

La cocaina e l’hashish giungevano in notevoli quantità dal Marocco, passava dalla Spagna e veniva spacciata […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy