Ciriè: 60enne investì con l’auto padre e figlio che viaggiavano in moto. Condannato a 3 anni

Ciriè

/

27/10/2018

CONDIVIDI

I due motociclisti riportarono fratture e ferite. L'automobilista venne anche denunciato per omissione di soccorso

Condannato a tre anni di reclusione per aver travolto con l’auto una motocicletta sulla quale stavano viaggiando padre e figlio: l’automobilista, un uomo di 60 anni residente in un comune del Canavese dovrà fare a menbo della patente per due anni e dovrà anche pagare le spese processuali. La sentenza è stata pronunciata dal giudice Ombretta Vanini del tribunale di Ivrea. L’incidente stradale ebbe luogo nella tarda serata del 4 luglio 2015 in corso Generale Della Chiesa a Ciriè. Padre e figlio rimasero feriti nell’incidente e furono ricoverarti in ospedale dal quale furono dimessi con qualche settimana di prognosi.

Il padre riportò nella caduta sull’asfalto la frattura del bacino. All’incidente assistette un testimone che riferì ai carabinieri di aver visto la Fiat Punto allontanarsi, avvalorando in questo modo la versione fornita dalle due vittime del sinistro.

Dopo la fuga l’investitore tornò più tardi sul luogo dell’incidente ma in ogni caso fu denunciato per omissione di soccorso.

Il procedimento penale a suo carico si è concluso l’altro giorno con la condanna a tre anni di reclusione.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/07/2020

Coronavirus in Piemonte, il bollettino del 16 luglio: + 76 guariti, + 7 nuovi contagi e zero decessi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che alle ore 17,00 di oggi, giovedì 16 luglio, […]

leggi tutto...

16/07/2020

Mezzi pubblici non utilizzati durante il lockdown: dalla Regione arriva il rimborso

La Regione Piemonte ha accolto le richieste avanzate dalle associazioni dei consumatori: sarà possibile ottenere un […]

leggi tutto...

16/07/2020

Eporediese: padre abusava della figlia quattordicenne. Il pm ha chiesto una condanna a 14 anni

Eporediese: padre abusava della figlia quattordicenne. Il pm ha chiesto una condanna a 14 anni L’accusa […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy