Chivasso: uno studente dimentica lo zainetto vicino alla stazione. E scatta l’allarme bomba

Chivasso

/

29/05/2017

CONDIVIDI

Mentre gli artificieri giunti da Torino stavano controllando il contenuto dello zaino uno studente ha spiegato di averlo dimenticato poche ore prima

Quello zainetto colorato abbandonato nei presi della biblioteca civica MoviMente di Chivasso che si trova a due passi dalla stazione ferroviaria ha creato momenti di panico per un presunto allarme bomba. Un intero quartiere ha vissuto momento di panico che dimostra come la psicosi degli attentati sia radicata tra la popolazione. L’allarme bomba è scattato alle 10,40 di oggi, lunedì 29 maggio.

Sul luogo sono giunti i carabinieri della stazione di Casalborgone e gli agenti della polizia ferroviaria che hanno richiesto l’intervento degli artificieri. Quando questi hanno iniziato a esaminare lo zainetto abbandonato con il metal detector si è presentato un giovane che ha spiegato che lo zainetto era di sua proprietà.

Lo zaino è stato aperto e quando è stato accertato che conteneva tutt’altro che esplosivi, l’allarme bomba è rientrato e gli agenti hanno provveduto a rimuovere le bandelle che delimitavano la zona. Ai carabinieri lo studente ha raccontato d’aver dimenticato lo zainetto contenente indumenti da palestra. E’ soltanto in un secondo tempo che il giovane è riuscito a uscire da scuola per recuperare lo zaino.

Il ragazzo è tornato dietro ai banchi di scuola non senza aver dovuto prima sorbirsi la ramanzina del sovrintendente Nicola Scognamiglio, sovrintendente della stazione della polizia ferroviaria di Chivasso e del maresciallo Simone Generoso, comandante la stazione dei carabinieri di Casalborgone.

Dov'è successo?

Leggi anche

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

18/10/2018

“Canavesana” più sicura: Regione e Rfi firmano il protocollo sicurezza. Lavori in tempi rapidi

Verrà firmato a breve il protocollo tra Regione Piemonte e Rfi che consentirà di dare il […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy