Chivasso ringrazia i carabinieri presenti da in città 200 anni. Ricordato il generale Fedele De Giorgis

Chivasso

/

02/10/2018

CONDIVIDI

Celebrato l'85° anno di fondazione della sezione dedicata a Salvo D'Acquisto. Il generale De Giorgis, chivassese di nascita fu il comandante in capo dell'Arma dei carabinieri e ispiratore e fondatore dell'Opera Nazionale Assistenza Orfani Militari carabinieri. L'ente nel corso degli anni ha aiutato moltissimi bambini e giovani, ospitandoli presso i propri collegi, ma anche assistendo le madri rimaste vedove

Una targa per ricordare che da due secoli i carabinieri sono presenti a Chivasso e una per celebrare l’85° anno di fondazione della sezione carabinieri in congedo “Salvo D’Acquisto”: la duplice cerimonia ha avuto luogo sabato 22 e domenica 23 settembre.
Momento centrale dei festeggiamenti lo scoprimento di due targhe affisse nell’androne di ingresso di Palazzo Einaudi, ex Caserma Giordana. La prima è dedicata al generale Fedele De Giorgis, nato a Chivasso il 17 gennaio del 1887, mentre la seconda ricorda che, proprio l’ex Caserma Giordana ospitò il primo presidio cittadino dei Carabinieri.
Figura di altissimo livello, Fedele De Giorgis, generale di Corpo d’Armata e primo Comandante dell’Arma dei Carabinieri nel dopoguerra, dal 1938 al 1940 fu al comando della terza divisione alpina “Jiulia”, di stanza in Albania, e il 1° gennaio 1940 venne promosso maggiore generale. Dal 1941 venne trasferito in Africa settentrionale, al comando della 55esima Divisione “Fanteria Savona” e divenne anche capo della delegazione della Commissione italiana di armistizio tra Francia e Siria.

Fu proprio durante questo periodo che propose l’idea della legione straniera italiana, che venne accolta positivamente dallo Stato Maggiore Italiano. Il 17 gennaio 1942 dovette arrendersi agli inglesi ad Halfaya e venne fatto prigioniero; liberato, tornò in patria e dal 16 maggio 1947 al 24 maggio 1950 fu il comandante in capo dell’Arma dei carabinieri.
In particolare, il suo nome è legato ad una iniziativa di alto valore sociale: egli, infatti, fu ispiratore e fondatore dell’Opera Nazionale Assistenza Orfani Militari carabinieri, che nel corso degli anni ha aiutato moltissimi bambini e giovani, ospitandoli presso i propri collegi, ma anche assistendo direttamente le madri rimaste vedove, e sostenendo le spese per gli studi di tanti ragazzi. Il patrimonio iniziale dell’Opera era costituito da 37 milioni di lire e per formarlo il Generale De Giorgis chiese ai Carabinieri di ogni grado di offrire una giornata di stipendio.

Con le risorse disponibili venne acquistato un vecchio fabbricato a San Mauro Torinese, sulla collina di Superga, che, una volta terminati i lavori di ristrutturazione, divenne il primo collegio dell’Opera, retto dai Padri Salesiani, dedicato ai bambini della fascia d’età delle scuole elementari. Dal 1951 l’Opera cominciò ad assistere anche le orfane e venne stipulata una convenzione con le Suore Salesiane di Santa Maria Ausiliatrice per il ricovero delle ragazze presso il collegio di Mornese, in provincia di Alessandria.

In quegli anni le finalità dell’Opera erano di fornire agli orfani una cultura di tipo professionale, per rendere più agevole l’inserimento nel mondo del lavoro e mirata soprattutto all’apprendimento di un’arte o un mestiere. Negli anni, la filosofia dell’Opera si trasformò e vennero stipulate convenzioni con le scuole superiori classiche e scientifiche per consentire agli allievi che dimostravano attitudine di proseguire negli studi. Oggi l’Orfani assiste circa 1000 orfani, a ciascuno dei quali eroga un sostegno semestrale, distinto per fasce d’età, sino al compimento degli studi, mentre l’assistenza agli orfani disabili è a vita. Le disponibilità finanziarie sono date dai contributi volontari mensili elargiti dai militari di ogni grado dell’Arma dei Carabinieri e l’Opera non percepisce finanziamenti da parte dello Stato.

Il Generale De Giorgis promosse dunque un progetto di altissimo valore morale, che ancora oggi garantisce sostegno a molti giovani e offre loro l’opportunità di costruire solide basi per il futuro personale e professionale. Per ricordare questo cittadino illustre, oltre alla targa già posta a Palazzo Einaudi, nei prossimi mesi una seconda targa alla memoria del Generale De Giorgis verrà posta al “Famedio”, nel cimitero cittadino. Le celebrazioni sono state curate dai carabinieri in congedo della sezione “Salvo D’Acquisto”.

Dov'è successo?

Leggi anche

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

18/10/2018

“Canavesana” più sicura: Regione e Rfi firmano il protocollo sicurezza. Lavori in tempi rapidi

Verrà firmato a breve il protocollo tra Regione Piemonte e Rfi che consentirà di dare il […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy