Chivasso: addio ai prodotti “usa e getta”. Da settembre meno plastica nelle mense scolastiche della città

Chivasso

/

22/05/2019

CONDIVIDI

L'utilizzo dei nuovi piatti verrà introdotto all'inizio del prossimo anno scolastico. Il personale userà bicchieri compostabili, piatti in materiale lavabile e posate in acciaio che saranno il nuovo corredo degli alunni

Il servizio di refezione scolastica cambia look. Le novità, che riguardano il corredo di stoviglie in cui viene servito il pranzo nelle scuole comunali, sono state illustrate martedì 14 maggio, in concomitanza con la conferenza stampa di presentazione della Ecosagra di frazione Torassi. L’obiettivo è quello di adeguarsi alle nuove direttive che mirano a ridurre drasticamente l’uso di prodotti “usa e getta” in plastica e, conseguentemente, di ridurre sensibilmente il volume di rifiuti indifferenziati.

“I genitori della Commissione Mensa ci avevano presentato questo problema e abbiamo accolto volentieri questa istanza – ha spiegato il direttore del servizio di refezione di Euroristorazione, Antonino Linguanti -. A partire dalla prossima settimana introdurremo l’uso di un bicchiere realizzato in materiale compostabile, mentre il prossimo settembre, con l’inizio del nuovo anno scolastico, verranno utilizzate stoviglie in materiale lavabile. Le novità riguarderanno la scuola primaria e secondaria di primo grado, mentre per la scuola dell’infanzia vengono già utilizzate le stoviglie in materiale lavabile”.

Fino ad ora non era stato possibile attuare questo cambiamento perché era necessario integrare l’attrezzatura, con vassoi zigrinati e un numero adeguato di lavastoviglie nelle scuole, poiché attualmente si lavano solo le posate (in acciaio), mentre tutto il resto viene buttato.

“Crediamo si tratti di un cambiamento significativo – hanno dichiarato il sindaco Claudio Castello e l’Assessora all’Istruzione, Tiziana Siragusa – poiché si potrà evitare la produzione di una quantità enorme di rifiuti indifferenziati”.

Attualmente il servizio di refezione scolastica mette a disposizione 1.800 pasti al giorno, con due piatti ed un bicchiere per ogni bambino, stoviglie realizzate in materiale monouso che prossimamente non finiranno più nella pattumiera.

Leggi anche

20/08/2019

Firmato in Regione l’accordo per incentivare il ritorno degli immigrati nei Paesi d’origine

Vuole dare impulso al rimpatrio volontario assistito il progetto sperimentale contenuto in un accordo firmato il […]

leggi tutto...

20/08/2019

Ceresole, afflusso record di turisti. Il vicesindaco Mauro Durbano: “Merito di tutto il paese”

Ottimi risultati per la stagione turistica a Ceresole. Tantissime le presenze registrate e numerosi gli eventi […]

leggi tutto...

20/08/2019

Canavese: Poste Italiane investe nel decoro urbano e nei servizi destinati ai piccoli comuni

Sei nuovi Atm Postamat installati, 15 barriere architettoniche abbattute, 34 paesi interessati dal progetto “decoro urbano”, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy