Chivasso, mamma contro le maestre della materna: “Preferivo mio figlio pisciato che vestito di rosa”

Chivasso

/

15/12/2018

CONDIVIDI

Dopo la terza pipì che si era fatta addosso le insegnanti avevano esaurito i pannolini e avevano fatto indossare al bimbo quanto avevano trovato

Una baraonda. E tutto perche le maestre hanno fatto indossare a causa dell’esarimento dei pannolini a disposizione, un paio di mutandine e di pantaloni fucsia a un bambino che si era fatto addosso la pipì per tre volte nella stessa mattinata. La cosa non è affatto piaciuta ai genitori. E’ accaduto nei giorni scorsi alla scuola materna “Peter Pan” di Chivasso.

La dirigenza scolastica difende le insegnanti: “Hanno fatto quello che hanno potuto. Non petevano certo lasciare un bambino coi i pantaloni bagnati”. La mamma del bimbo, in una lettera, criticano aspramente l’operato delle maestre: “Vi ringrazio per i pantaloni rosa e le mutandine che avete imprestato al bambino, dopo aver esaurito la scorta. Però le norme sociali non le abbiamo fatte noi – scrive -. Lo preferivamo pisciato, che sappiamo asciuga, piuttosto che vestito da femmina e con le idee sull’identità di genere in conflitto”.

Tra l’altro pare che dopo le prime pipì le insegnanti avessero chiesto ai genitori di portare a scuola un cambio di vestiti.

Quando hanno saputo che non sarebbe stato possibile hanno fatto indossare al bimbo ciò che hanno trovato nell’armadio di scorta della scuola.

Leggi anche

21/08/2019

La crisi minaccia il mercato della frutta. Confagricoltura: “Salviamo un settore già penalizzato”

“In Piemonte abbiamo una produzione frutticola d’eccellenza, apprezzata in Italia e all’estero. Ciò che dobbiamo cercare […]

leggi tutto...

21/08/2019

Rivarolo Canavese: il Comune spende 100 mila euro per rifare la copertura dell’ala sud del Castello Malgrà

Centomila euro per rifare la copertura situata nei pressi del camminamento merlato del castello Malgrà: è […]

leggi tutto...

21/08/2019

Ivrea, ragazza di 17 anni denuncia: “Il branco mi ha stuprata nel centro sociale”. Indaga la procura

Ha soltanto 17 anni la ragazza che ha denunciato di essere stata vittima di uno stupro. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy