Chivasso: l’Edipower versa sette milioni di euro al Comune di Chivasso per Ici e Imu non pagata

Chivasso

/

30/06/2016

CONDIVIDI

L'ingente incasso, a giudizio dell'Amministrazione, consoliderà la ripresa economica della città

Quasi sette milioni di euro nella casse comunali. A versarli sarà la società energetica Edipower in virtù di un accordo stragiudiziale con il Comune di Chivasso, sottoscritto per estinguere definitivamente il contenzioso legale sulle imposte dovute sugli immobili. La somma che la società, che gestisce la centrale elettrica di Chivasso, è relativa agli anni che vanno dal 2006 al 2015 ed è stata quantificata in base agli accertamenti compiuti dai dirigenti del Comune su quanto dovuto sia per l’Ici che l’Imu e relativi agli immobili di proprietà pubblica.

L’accordo è stato sottoscritto dall’assessore al Bilancio e Tributi Claudia Buo e dai vertici del Gruppo A2A. Una cascata di milioni di cade proprio a fagiolo: a giudizio del sindaco di Chivasso Libero Ciuffreda, con i sette milioni di euro che l’amministrazione incasserà sarà possibile effettuare investimenti importanti in una città che è travagliata da una crisi economica senza precedenti.

A breve è prevista la ripresa del funzionamento del grande impianto situato alla confluenza del fiume Po con il Canale Cavour che garantirà la produzione di ingenti quantità di energia elettrica.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/11/2019

Maltempo in Canavese: nelle Valli di Lanzo e in Valle Orco ancora case senza elettricità

“Ritengo gravissimo che l’energia elettrica nelle valli alpine e appenniniche, in particolare in diverse zone delle […]

leggi tutto...

17/11/2019

Oglianico: uno speciale albero di Natale realizzato con lana e uncinetto per aiutare chi è in difficoltà

Un albero di Natale fuori dai canoni classici, cucito con ago, filo, uncinetto e lana. Un’opera […]

leggi tutto...

17/11/2019

Levone: padre, madre e figlio 16enne spacciavano droga in casa. Due denunce e un arresto

Attività di contrasto dei carabinieri contro la criminalità diffusa nella provincia di Torino. 3 arresti e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy