Chivasso, le multe fruttano al Comune un milione e 300 mila euro. Scoppia la polemica sul commercio

Chivasso

/

03/08/2017

CONDIVIDI

Matteo Doria, capogruppo del centrodestra in consiglio comunale ha accusato l'amministrazione comunale di fare cassa ai danni del commercio fisso e ambulante

Un milione e 300 mila euro (contro gli 840 mila dell’anno precedente) entrati nelle casse comunali grazie alle multe comminate dagli agenti della polizia locale e i neo amministratori del comune di Chivasso si trovano alle prese con un’accesa polemica innescata dalla minoranza. Grazie all’aumento del numero delle contravvenzioni delle multe il  bilancio del comune di Chivasso pareggia sui 40 milioni e 651 mila euro. L’annuncio effettuato dal neo assessore al Bilancio Chiara Casalino nel corso dell’ultimo consiglio comunale,  è stato accompagnato dal grido “vergogna!” che si è levato dal numeroso pubblico presente. L’assessore ha cercato di buttare acqua sul fuoco delle polemiche spiegando che il maggior introito delle multe derivano dalle multe elevate ai tanti, troppi , automobilisti che hanno violato i varchi della zona a traffico limitato (Ztl) istituiti di recente.

Il denaro incassato, ha precisato l’assessore, saranno principalmente destinati alla manutenzione della rete stradale cittadina e nella riprogettazione del piano del traffico. Il capogruppo del centro destra Matteo Doria ha espresso un duro giudizio sulla cronica carenza dei parcheggi che penalizzano il commercio ambulante il mercoledì e il sabato a causa degli agenti della polizia locale che multano a tappeto le aree della città dove si svolge il mercato.

Che sia necessaria la manutenzione delle strade è più che giusto – ha sottolineato Matteo Doria – ma è ancor più necessario realizzare parcheggi che consentano ai consumatori di non dover pagare il tributo settimanale al Comune e tutto perchè mentre le strade e i marciapiedi si riempivano di buche l’ex amministrazione nella quale il sindaco Claudio Castello era assessore ai Lavori Pubblici, si limitava a inaugurare una piazzetta in via Italia e una pista ciclabile in via Ceresa. Fare cassa in questo modo è fin troppo facile ha concluso il capogruppo di centrodestra. La polemica sembra destinata a rinfocolarsi anche nel prossimo futuro.

Dov'è successo?

Leggi anche

22/04/2018

Montanaro, la “Rosa dei 20” propone il tour dei caffè storici di Torino e la visita esoterica a Oropa

La Rosa dei 20, associazione di promozione sociale di Montanaro, propone al pubblico tre date da […]

leggi tutto...

22/04/2018

Asl T04: le prenotazioni per le prestazioni sanitarie si possono prenotare anche in farmacia

E’ stato definito un accordo sperimentale tra l’Asl To4 e Federfarma Torino, l’Associazione Titolari di Farmacia […]

leggi tutto...

22/04/2018

Locana: un contributo comunale per chi decide di risiedere in paese. In 10 anni persi 250 abitanti

Lo spopolamento continua a compire inesorabilmente i paese montani? E il comune stanzia un contributo destinato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy