Chivasso: la nuova ala dell’ospedale aprirà il 26 gennaio. L’assessore Saitta: “Puntiamo sul presidio”

Chivasso

/

14/12/2017

CONDIVIDI

L'assessore regionale alla Sanità ha smentito le voci che davano per certo il depotenziamento del presidio sanitario. Ancora sul tavolo il problema della carenza degli infermieri

Dopo anni di promesse (vane), dopo milioni di euro spesi per costruire la nuova ala, dopo la sbandierata apertura per la prossima primavera, l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta ha confermato che la nuova struttura, anima del progetto di ampliamento del nosocomio, aprirà i battenti il prossimo venerdì 26 gennaio 2018. ““Ho visitato nel pomeriggio di mercoledì 13 divembre, insieme ai vertici dell’Asl To4, l’ospedale di Chivasso e i locali che a breve saranno pronti a ospitare l’attività sanitaria. Posso confermare che il 26 gennaio la nuova ala verrà finalmente aperta, chiudendo un percorso durato moltissimo tempo”.

Dell’imminente apertura della nuova ala dell’ospedale, si è parlato nel corso di un incontro che nella serata di mercoledì 13 dicembre, l’assessore regionale alla Sanità e l’assessore al Lavoro Gianna Pentenero hanno intrattenuto, nella sala consigliare del Comune, con i sindaci e gli amministratori del territorio Chivassese, ai rappresentanti sindacali e con i responsabili delle associazioni. Da tempo la mancata apertura della nuova ala è al centro di accese polemiche che Antonio Saitta ha stemperato spiegando che la vicenda relativa alla realizzazione della nuova struttura sanitaria è lunghissima e che il suo assessorato ha potuto occuparsi direttamente della vicenda soltanto da un paio di anni.

Nel corso dell’affollato incontro si è specificato che nella nuova ala hanno trovato posto il nuovo pronto soccorso, il nuovo ingresso personale, il reparto di cardiologia, il centro prelievi, il reparto di terapia intensiva, la Neurologia, la medicina generale, la farmacia ospedaliera e le sale destinate ad ospitare i congressi. L’assessore regionale alla Sanità Saitta non ha dubbi: per l’ospedale di Chivasso si apre una nuova fase (e così ha indirettamente smentito le voci che davano per certo il depotenziamento del presidio), concreta dimostrazione che la Regione intende potenziare l’ospedale dotandolo di nuovi spazi e investendo nel rinnovamento delle tecnologie. Nulla invece è stato detto sulla cronica carenza di personale infermieristico: un problema che investe in prima persona gli operatori sanitari e che si riflette inevitabilmente sulla qualità del servizio offerto all’utenza.

Dov'è successo?

Leggi anche

Rivarolo Canavese

/

15/12/2018

Rivarolo, autovelox nascosto in frazione Mastri ma solo per studiare gli automobilisti

La prevenzione passa attraverso la compresione del livello di civiltà e di ripsetto della legge dimostrata […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

15/12/2018

Centinaia di pacchi dono confezionati dai soci del Rotary Cuorgnè e Canavese in nome della solidarietà

Anche quest’anno i soci del Rotary Club di Cuorgnè e Canavese e del Rotaract hanno dato […]

leggi tutto...

Chivasso

/

15/12/2018

Chivasso, mamma contro le maestre della materna: “Preferivo mio figlio pisciato che vestito di rosa”

Una baraonda. E tutto perche le maestre hanno fatto indossare a causa dell’esarimento dei pannolini a […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy