Chivasso: i prodotti invenduti dai negozi e dai supermercati vanno alle famiglie indigenti

Chivasso

/

04/06/2016

CONDIVIDI

Il progetto pilota è frutto della collaborazione tra Comune e la Società Mobilità Etica e si ispira ad analoghe iniziative già avviate nel Nord Europa

Al momento è soltanto un progetto pilota che presto, però, potrebbe essere adottato in via permanente per aiutare fattivamente gl’indigenti. A promuovere l’iniziativa è l’amministrazione comunale di Chivasso. Lo scopo? Fare in modo che i prodotti alimentari invenduti o prossimi alla scadenza, invece di essere buttati nei contenitori destinati alla discarica, possono essere, invece, consegnati alle associazioni di volontariato che operano sul territorio, affinché vengano ridistribuiti alle fasce più deboli della cittadinanza. Una fascia che, a causa della crisi economica, negli ultimi anni si è ulteriormente ampliata.

Il progetto pilota è frutto della collaborazione del Comune di Chivasso con la società di Mobilità Etica. L’obiettivo è quello di promuovere l’acquisto, senza nessun investimento da parte del Comune, di un mezzo mobile coibentato per garantire la conservazione degli alimenti che vengono scartati dai negozi e dalla grande distribuzione. Lo spreco non è da poco: quintali di alimenti vengono ogni giorno accantonati e immessi nei contenitori della raccolta differenziata perché troppo vicini alla data di scadenza per essere venduti alla clientela.

Il progetto ricalca in toto esperienze analoghe che da anni, ormai, sono diventati una consuetudine in diversi Paesi del Nord Europa. La collaborazione potrebbe essere estesa (la Coop ha già aderito e tramite l’associazione Punto e Capo distribuisce i prodotti alle famiglie bisognose) all’Azienda Sanitaria locale. Per coprire le spesa d’acquisto del mezzo coibentato, la società Mobilità Etica si rivolgerà ai commercianti cittadini per ammortizzare l’investimento grazie alla pubblicità che sarà apposta sul veicolo.

Dov'è successo?

Leggi anche

15/11/2019

San Giusto: attività sociali per i prossimi 6 anni nella villa del boss del narcotraffico Nicola Assisi

La villa di San Giusto Canavese sequestrata al boss del narcotraffico Nicola Assisi avrà un futuro […]

leggi tutto...

15/11/2019

Venaria: giovane mamma tenta di avvelenare il figlioletto di 15 mesi e poi cerca di togliersi la vita

Tragedia sfiorata a Venaria: una donna ha cercato di avvelenare il figlioletto di appena 15 mesi […]

leggi tutto...

15/11/2019

Vallo: esce di strada con l’auto e si ribalta. Ferita una ragazza, soccorsa dal 118 e dai pompieri

Ha perso, per cause ancora in via di accertamento, il controllo della Fiat Panda che stava […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy