Chivasso, giovane di Feletto denunciato per minacce e porto abusivo d’arma

Chivasso

/

02/08/2015

CONDIVIDI

E' accaduto al discopub "Bug a Boo". Alcuni clienti avrebbero rivolto apprezzamenti non graditi alla fidanzata del ragazzo

Un giovane diciannovenne di origine romena, residente a Feletto, è finito nei guai per difendere la propria fidanzata dagli “apprezzamenti” di alcuni avventori.

E’ accaduto a Chivasso, all’interno del discopub “Bug a Boo” che è situato sulla riva destra del torrente orco, appena dopo il ponte che scavalca il corso d’acqua in direzione di Brandizzo. Il fatto: nella notte tra sabato e domenica il giovane si è recato nel locale in compagnia della propria fidanzata e di alcuni amici per trascorrere una serata all’insegna del divertimento. A un certo punto, nel dehor del locale notturno, alcuni avventori avrebbero rivolto alla ragazza “apprezzamenti” che non sarebbero stati graditi dal giovane felettese che ha estratto una pistola monocolpo e li avrebbe minacciati.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Chivasso avvertiti dal gestore del discopub. Il ragazzo è stato denunciato con l’accusa di minaccia aggravata, detenzione e porto abusivo di arma clandestina in luogo pubblico.

L’arma era perfettamente funzionante e con la matricola cancellata.

Leggi anche

San Francesco al Campo

/

10/12/2017

San Francesco al Campo: ritrovate vuote le casseforti rubate che contenevano le pistole della polizia locale

Le ricerche dei carabinieri hanno dato i loro frutti: le due casseforti blindate che nei giorni […]

leggi tutto...

Castellamonte

/

10/12/2017

Castellamonte: le poesie della cuorgnatese Rosanna Frattaruolo aiuteranno i bimbi vittime di violenza

Nella serata di giovedì 7 dicembre presso la sala congressi Pietro Martinetti di Castellamonte, è stata […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

10/12/2017

Cuorgnè: la sezione marinai ha commemorato sotto la neve i caduti periti sulle navi da guerra

Anche quest’anno la sezione cittadina dei Marinai di Cuorgnè ha voluto onorare i propri caduti: forse […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy