Chivasso, cittadinanza onoraria al maggiore Dario Ferrara che svelò la presenza della ‘ndrangheta

Chivasso

/

07/07/2018

CONDIVIDI

La città premia il costante impegno dei carabinieri e del loro comandante per il grande impegno contro la criminalità organizzata

Cittadinanza onoraria all’Arma dei carabinieri e al maggiore Dario Ferrara: a proporlo è Claudio Castello, sindaco di Chivasso che porterà la delibera in approvazione dell’assemblea nel prossimo consiglio comunale convocato per martedì 10 luglio. La motivazione? Il merito che va riconosciuto all’Arma e all’allora comandante della Compagnia di Chivasso capitano Dario Ferrara, 45 anni, (ora promosso maggiore e in forza al Nucleo Investigativo di Palermo) che rivelato la radicata presenza della ‘ndrangheta nel territorio chivassese grazie alle operazioni “Minotauro” e “Colpo di Coda”. Dario Ferrara assunse nel 2007 la guida della Compagnia di Chivasso da tenente e ne uscì, nel 2012 con i gradi di capitano.

Sotto il suo comando i carabinieri di Chivasso, oltre a una serrata indagine sulla criminalità organizzata, hanno condotto un efficace attività di contrasto nei confronti dello spaccio di droga. Tra le tante operazioni da ricordare è anche quello dei fratelli Magnis. L’attribuzione della cittadinanza onoraria premia l’intuito, il coraggio e il quotidiano impegno dell’Arma e di chi la comanda per tutelare la sicurezza dei cittadini e il rispetto delle leggi.

Dov'è successo?

Leggi anche

Valperga

/

17/11/2018

Valperga: il campanile si illuminerà di blu per Cities for life, l’evento che condanna la pena di morte

Nella serata del prossimo venerdì 30 novembre la torre campanaria del duomo di Valperga si colorerà […]

leggi tutto...

Rivara

/

17/11/2018

Oltre 120mila euro del Viminale per le telecamere a Burolo, Strambinello, Locana e Rivara

Poco più di 125 mila euro da destinare alla sicurezza dei centri abitati: la cifra fa […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

17/11/2018

Omicidio Pomatto a Rivarolo: la Corte d’Appello cancella l’ergastolo a Mario Perri

Era stato condannato all’ergastolo con l’accusa di aver ucciso a sangue freddo l’ex panettiere di Feletto […]

leggi tutto...