Chivasso e Canavese: smantellata dai carabinieri la banda che monopolizzava lo spaccio di droga

Chivasso

/

17/02/2017

CONDIVIDI

Erano due fratelli chivassesi a guidare l'organizzazione che smerciava circa 600 dosi al mese di cocaina e marijuana. La droga veniva venduta a studenti anche minorenni

Erano due fratelli a guidare la banda che deteneva saldamente il monopolio dello spaccio di droga nel territorio Chivassese e del basso Canavese: l’organizzazione, perfettamente collaudata, spacciava circa 600 dosi di cocaina al mese per un equivalente di 200 grammi di “neve” purissima che era al centro un lucroso commercio. I carabinieri della Compagnia di Chivasso hanno letteralmente smantellato, nel corso di vasta operazione che è stata condotta nelle province di Torino e di Biella la rete di spaccio: nei guai sono finiti sette italiani indagati con l’accusa di detenzione e spaccio di cocaina.

I carabinieri hanno notificato quattro ordini di carcerazione e tre obblighi di firma e di dimora. Gli uomini dell’Arma hanno anche segnalato alla Prefettura di Torino decine di clienti per uso di sostanze stupefacenti. La droga veniva vendita soprattutto a studenti anche minorenni. Nel corso del blitz i militari al comando del capitano Pier Luigi Bogliacino, hanno eseguito anche undici perquisizioni.

In manette sono finiti i fratelli Bruno Lazzaro, 28 anni, residente a Chivasso e il fratello Enrico, 21, anch’egli di Chivasso. I carabinieri hanno anche arrestato Arcangelo Cuzzupi, 21 anni, residente a Volpiano e Davide Gioffrè, 21 anni, di Chivasso. Il Gip del tribunale di Ivrea ha disposto l’ordine restrittivo di obbligo di dimora e di firma per gli altri tre complici: Francesco I. 38 anni di Chivasso, Sebastiano D. 20 anni di Chivasso e Luciano I. 29 anni, sempre di Chivasso.

Altri quattro complici di secondo piano sono stati denunciati a piede libero. In breve tempo la banda era diventata il punto di riferimento per lo spaccio territoriale e per l’acquisto di cocaina e marijuana. I membri della “gang” usavano al meglio la tecnologia telefonica: le ordinazioni arrivavano tramite telefono cellulare, sms o messaggi vocali con WathSapp. Per evitare le intercettazioni telefoniche da parte delle forze dell’ordine, i membri dell’organizzazione facevano ricorso ad un linguaggio criptico.

Dov'è successo?

Leggi anche

04/06/2020

Volpiano: asili nido privati senza soldi. E il Comune anticipa i contributi del ministero dell’Istruzione

Il Comune di Volpiano ha anticipato agli asili nido privati e alla scuola paritaria dell’infanzia operanti […]

leggi tutto...

04/06/2020

Coronavirus in Piemonte: 12 i decessi (nessuno oggi 4 giugno). In discesa il numero dei nuovi contagi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che, oggi giovedì 4 giugno, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...

04/06/2020

Caselle: l’aeroporto torinese ha ottenuto la certificazione Airport Customer Experience Accreditation

L’Aeroporto di Torino ottiene la certificazione Airport Customer Experience Accreditation di ACI-Airport Council International, l’associazione di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy