Chivasso e Canavese: smantellata dai carabinieri la banda che monopolizzava lo spaccio di droga

Chivasso

/

17/02/2017

CONDIVIDI

Erano due fratelli chivassesi a guidare l'organizzazione che smerciava circa 600 dosi al mese di cocaina e marijuana. La droga veniva venduta a studenti anche minorenni

Erano due fratelli a guidare la banda che deteneva saldamente il monopolio dello spaccio di droga nel territorio Chivassese e del basso Canavese: l’organizzazione, perfettamente collaudata, spacciava circa 600 dosi di cocaina al mese per un equivalente di 200 grammi di “neve” purissima che era al centro un lucroso commercio. I carabinieri della Compagnia di Chivasso hanno letteralmente smantellato, nel corso di vasta operazione che è stata condotta nelle province di Torino e di Biella la rete di spaccio: nei guai sono finiti sette italiani indagati con l’accusa di detenzione e spaccio di cocaina.

I carabinieri hanno notificato quattro ordini di carcerazione e tre obblighi di firma e di dimora. Gli uomini dell’Arma hanno anche segnalato alla Prefettura di Torino decine di clienti per uso di sostanze stupefacenti. La droga veniva vendita soprattutto a studenti anche minorenni. Nel corso del blitz i militari al comando del capitano Pier Luigi Bogliacino, hanno eseguito anche undici perquisizioni.

In manette sono finiti i fratelli Bruno Lazzaro, 28 anni, residente a Chivasso e il fratello Enrico, 21, anch’egli di Chivasso. I carabinieri hanno anche arrestato Arcangelo Cuzzupi, 21 anni, residente a Volpiano e Davide Gioffrè, 21 anni, di Chivasso. Il Gip del tribunale di Ivrea ha disposto l’ordine restrittivo di obbligo di dimora e di firma per gli altri tre complici: Francesco I. 38 anni di Chivasso, Sebastiano D. 20 anni di Chivasso e Luciano I. 29 anni, sempre di Chivasso.

Altri quattro complici di secondo piano sono stati denunciati a piede libero. In breve tempo la banda era diventata il punto di riferimento per lo spaccio territoriale e per l’acquisto di cocaina e marijuana. I membri della “gang” usavano al meglio la tecnologia telefonica: le ordinazioni arrivavano tramite telefono cellulare, sms o messaggi vocali con WathSapp. Per evitare le intercettazioni telefoniche da parte delle forze dell’ordine, i membri dell’organizzazione facevano ricorso ad un linguaggio criptico.

Dov'è successo?

Leggi anche

Rivarolo Canavese

/

12/12/2017

Trasporti, in un’indagine Legambiente relega la “Canavesana” tra le dieci ferrovie peggiori d’Italia

C’era da aspettarselo che prima o poi la “Canavesana” sarebbe finita nelle classifiche (in negativo) tra […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

12/12/2017

Cuorgnè, gli ex uffici del giudice di pace ospiteranno le attività del Centro Diurno

Dopo la Messa celebrata dal parroco di Cuorgnè don Ilario nella chiesa di San Rocco (località […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

12/12/2017

Il Taekwondo canavesano trionfa a Savona: undici atleti conquistano ben undici medaglie

Undici atleti per 11 podi: sono tornati a casa con un ricco bottino gli undici atleti […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy