Commercio in crisi a Chivasso: una cabina di regia tra Comune e associazioni di categoria

17/02/2020

CONDIVIDI

Allo studio numerose iniziative per erendere magiormente attrattivo il centro commerciale naturale: l'obiettivo di contrastare il graduale impoverimento del tessuto commerciale cittadino e volte alla tutela della preziosa presenza del commercio di vicinato a partire dal centro storico cittadino

Nella giornata di giovedì 13 febbraio si è riunita presso la sala Giunta del Comune la Cabina di Regia sul commercio cittadino. Alla presenza del sindaco Claudio Castello, dell’Assessore al Commercio Pasquale Centin, dell’Assessore ai Lavori Pubblici Domenico Barengo e dell’Assessore al Turismo Tiziana Siragusa si è svolto il confronto con le delegazioni della categoria del Commercio, l’Ascom rappresentata dal presidente Giovanni Campanino e la Confesercenti rappresentata dal presidente Stefano Pipino.

Il confronto a tutto campo tra le parti ha analizzato gli aspetti salienti della crisi del comparto, e a partire da una prima analisi dei dati relativi all’anno 2019 dei dati sulle pratiche delle attività commerciali gestite dal Suap, i convenuti si sono concentrati sulle azioni positive da mettere in campo al fine di contrastare l’impoverimento del tessuto commerciale cittadino e volte alla tutela della preziosa presenza del commercio di vicinato a partire dal centro cittadino.

Al termine dell’incontro è stato convenuto che il metodo della concertazione e della condivisione circa le misure da intraprendere, sia la soluzione migliore ritenendo imprescindibile l’impiego di risorse pubbliche da destinare al miglioramento del decoro urbano (arredi ed interventi sui locali commerciali sfitti); all’aumento dei parcheggi disponibili per rendere più comodi gli acquisti nel centro; ad un miglior coordinamento e più efficiente comunicazione degli eventi da tenersi nell’isola pedonale esistente; alla necessità di realizzare un impianto stabile di filodiffusione nel centro storico.
Il dialogo tra le parti, in analogia con quanto emerso anche sul Tavolo provinciale che affronta la crisi del commercio, ha sostanziato la volontà di candidare la Città di Chivasso alla progettualità dei D.U.C. (distretti urbani del commercio), strumento (con bando pubblico) che verrà messo a punto dalla Regione Piemonte nei prossimi mesi con correlate risorse finanziarie.

Nel corso del confronto i partecipanti si sono concentrati in particolar modo sulla necessità di riattivare il “passeggio delle famiglie” nel centro storico con iniziative e stimoli commerciali a partire dai “Sabati dello Shopping”.

Le parti convenute esprimono soddisfazione del positivo confronto e si danno appuntamento a brevissimo al fine di un più puntuale affinamento degli obbiettivi da raggiungere. In questo contesto è anche stato trattato, seppure sommariamente, anche il tema degli interventi sul tratto di via Po, circoscritto tra la Piazza della Repubblica e via Caduti per la Libertà, ribadendo i contenuti della risposta già data dal Sindaco in Consiglio comunale: la riqualificazione della via Po è necessaria per migliorare l’accesso al centro storico e per un miglior affaccio visuale al Duomo di Santa Maria Assunta; l’ipotesi progettuale di intervento sarà oggetto di confronto e condivisione con associazioni e cittadini in un percorso partecipato; gradualità negli interventi complessivi secondo una logica di lotti funzionali; il tema della possibile pedonalizzazione sarà un punto di arrivo e non di partenza.

Leggi anche

04/04/2020

Coronavirus: per la prima volta volta il numero dei guariti in Piemonte supera quello dei decessi

Trecentoquarantadue pazienti guariti, 546 in via di guarigione. Questo pomeriggio l’Unità di Crisi della Regione Piemonte […]

leggi tutto...

04/04/2020

L’annuncio di Cesare Nosiglia: nella vigilia di Pasqua Ostensione virtuale della Sacra Sindone

In occasione della Pasqua avrà luogo una straordinaria ostensione “virtuale” della Sacra Sindone. Sabato 4 aprile […]

leggi tutto...

04/04/2020

Buoni spesa a Torino: assalto al portale del Comune che è andato in crash. Migliaia le domande

Sono bastati pochi minuti per mandare in crash il sito del Comune di Torino in occasione […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy