Chivasso, arrestati killer e mandanti del duplice agguato di Rondissone

Chivasso

/

10/03/2017

CONDIVIDI

Un prestito negato e uno sgarbo alla base del doppio ferimento di un meccanico residente a Rondissone e di un uomo residente a Volpiano

I carabinieri della compagnia di Chivasso al comando del capitano Pierluigi Bogliacino hanno arrestato per il duplice agguato a Rondissone nel quale furono feriti Bruno Lazzaro e Rocco Morano, Francesco Gioffrè, 33 anni, il fratello Davide di 21 anni, il cugino Domenico di 36 anni e Antonio Guerra, 37 anni. Gli arrestati sono accusati dalla procura di Ivrea di tentato omicidio.

Francesco Gioffrè che aspirava a frequentare il mondo dello spettacolo è l’unica persona incensurata che è rimasta invischiata in questa torbida vicenda. Sarebbe stato Francesco Gioffrè a sparare prima a Rocco Morano e poi a Bruno Lazzaro che riportarono ferite da arma da fuoco di non grave entità. E in effetti, con ogni probabilità, l’obiettivo dell’agguato era quello di intimidire le due vittime per ristabilire gli equilibri negli ambienti malavitosi della zona. Le indagini condotte dai carabinieri hanno permesso di accertare che i Gioffrè sono proprietari di una sala di scommesse e gestiscono diversi autolavaggi tra Chivasso e Settimo Torinese.

Il movente del sanguinario avvertimento? Punire Rocco Morano di aver negato un prestito di 10mila euro: dopo aver raggiunto l’officina di Morano in via Carpi a Rondissone a bordo di una Mercedes, Francesco Gioffrè ha ferito l’uomo ad un gluteo con una pistola calibro 22. Diversa la punizione per Bruno Lazzaro che è stato convinto a entrare nella sala scommesse dei Gioffrè ed è stato sempre Francesco spara a gamba destra dell’uomo. Qui non c’entrano prestiti negati: è più una questione di mancanza di rispetto in relazione ad uno sgarbo subito. I carabinieri, coordinati dal pubblico ministero Alessandro Gallo della procura di Ivrea, hanno pazientemente esaminato le immagini registrati dalle telecamere cittadine fino a riconoscere l’auto usata da Francesco Gioffrè. Da allora hanno seguito gli spostamenti dei quattro indagati fino a quando non è scattato, inaspettato, l’arresto.

Dov'è successo?

Leggi anche

Valperga

/

12/12/2018

Valperga: operatrice socio sanitaria licenziata dalle suore dopo un infortunio in casa di riposo

Aveva superato i 180 giorni di malattia a causa di una lacerazione ai tendini causata dal […]

leggi tutto...

Pont Canavese

/

12/12/2018

Pont Canavese: era cieco ma leggeva il giornale e tagliava legna. 60enne denunciato per truffa

Per l’Inps era invalido a causa di gravi deficit visivi: deficit che, sulla carta, gli impedivano […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

12/12/2018

Previsioni meteo: tempo stabile in Canavese e in Piemonte. E a Santa Lucia arriva il freddo polare

Queste le previsioni metereologiche di mercoledì 12 dicembre: AL NORD Tempo per lo più stabile al […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy