Chivasso, Alfonso Sannino è stato stroncato da un malore mentre correva nella StraTorino

Chivasso

/

15/05/2017

CONDIVIDI

Ferroviere di professione, l'uomo amava lo sport e il teatro. All'evento podistico stava partecipando con la famiglia quando è deceduto

E’ stato colto da un improvviso malore mentre stava partecipando nella mattinata di ieri domenica 14 maggio insieme a tutta la sua famiglia alla StraTorino: è un amaro destino quello che ha stroncato la vita di un appassionato sportivo come era il chivassese Alfonso Sannino. L’uomo, 61 anni, è stato colto dal malore mentre si trovava nei pressi del Borgo Medievale al Valentino quando ormai era giunto al sesto chilometro dell’annuale competizione sportiva, quando molti partecipanti ormai avevano tagliato il traguardo.

Alfonso Sannino è stato soccorso da una dottoressa e due infermieri in servizio all’ospedale Martini che stavano partecipando alla manifestazione sportiva: il medico e gl’infermieri gli hanno praticato per alcuni minuti il massaggio cardio-polmonare fino a quando sono sopraggiunte le motociclette di soccorso della Croce Rossa di Nichelino provviste di defibrillatore ma tutti i disperati sforzi si sono rivelati vani.

Alfonso Sannino, ex dipendente delle Ferrovie dello Stato era conosciuto in tutto il Chivassese e Canavese per la sua grande passione per lo sport. Ma Alfonso amava anche il teatro: la sua ultima apparizione sul palcoscenico risale ad alcuni mesi fa quando l’Officina Culturale, l’associazione chivassese della quale faceva parte, aveva messo in scena l’arcinota commedia di Eduardo De Filippo “Natale in casa Cupiello” nella quale Alfonso Sannino interpretava con rara efficacia il ruolo di Raffaele, il portiere. I tanti, tantissimi amici si stanno stringendo, in questo momento di grande dolore, intorno alla moglie e ai figli. Chivasso piange un uomo discreto e che sapeva farsi voler bene da tutti.

Dov'è successo?

Leggi anche

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

18/10/2018

“Canavesana” più sicura: Regione e Rfi firmano il protocollo sicurezza. Lavori in tempi rapidi

Verrà firmato a breve il protocollo tra Regione Piemonte e Rfi che consentirà di dare il […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy