Chiaverano: rapinatore si spaccia per cliente, si fa consegnare duemila euro e fugge indisturbato

Chiaverano

/

13/02/2017

CONDIVIDI

L'uomo si è presentato con noncuranza alla cassa e ha minacciato l'impiegata con un taglierino

Rapina da manuale, nella mattina di venerdì scorso, alla filiale della Banca Sella di Chiaverano: un uomo con il volto parzialmente coperto da una sciarpa ha fatto il suo ingresso all’interno della banca spacciandoli per un normale cliente. Quando si è avvicinato allo sportello, il rapinatore ha estratto dalla tasca un taglierino e, senza esitazione, lo ha puntato alla gola dell’impiegata (l’unica) presente in quel momento agli sportelli.

In preda a un comprensibile spavento, l’impiegata non ha reagito e ha assecondato il rapinatore che le aveva chiesto di consegnargli tutto il denaro contenuto nella cassa. Con tutta calma l’uomo ha intascato ben duemila euro e si è allontanato. Pochi istanti dopo l’avvenura rapina è scattato l’allarme e la telefonata al 112: in pochi minuti sul luogo della rapina sono intervenute alcune “gazzelle” della Compagnia dei carabinieri di Ivrea.

Del rapinatore nessuna traccia. Con ogni probabilità ad attendere all’esterno l’audace malvivente, si trovava un complice a bordo di un’auto con il motore acceso. La filiale ha riaperto regolarmente i battenti questa mattina.

(Immagine di repertorio)

Leggi anche

17/11/2019

Maltempo in Canavese: nelle Valli di Lanzo e in Valle Orco ancora case senza elettricità

“Ritengo gravissimo che l’energia elettrica nelle valli alpine e appenniniche, in particolare in diverse zone delle […]

leggi tutto...

17/11/2019

Oglianico: uno speciale albero di Natale realizzato con lana e uncinetto per aiutare chi è in difficoltà

Un albero di Natale fuori dai canoni classici, cucito con ago, filo, uncinetto e lana. Un’opera […]

leggi tutto...

17/11/2019

Levone: padre, madre e figlio 16enne spacciavano droga in casa. Due denunce e un arresto

Attività di contrasto dei carabinieri contro la criminalità diffusa nella provincia di Torino. 3 arresti e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy