Chiaverano: denunciata l’Enel per l’incendio causato dalla caduta dei cavi

Chiaverano

/

19/03/2016

CONDIVIDI

Le scintille avevano innescato un rogo che si era esteso per un fronte di diversi chilometri. Nei guai il responsabile di zona

Dopo oltre un mese di indagini gli agenti del Corpo Forestale dello Stato sono giunti a una conclusione: l’incendio di vaste proporzioni che nella prima settimana di febbraio ha distrutto ben sei ettari di vegetazione e boscaglia nel tratto di territorio compreso tra i comuni Chiaverano e Cascinette d’Ivrea, sarebbe stato causato dalla caduta dei cavi ad alta tensione che si sono staccati dai tralicci dell’Enel. La causa? La probabile scarsa manutenzione degli impianti.

Una trascuratezza che è costata all’Enel, la società che gestisce la rete elettrica, una denuncia alla procura della Repubblica di Ivrea a carico del responsabile di zona dell’Enel. Nella caduta, le scintille prodotte dal passaggio della corrente elettrica avevano innescato un rogo che aveva interessato un vasto fronte. Per domare le fiamme numerose squadre dei Vigili del fuoco, dei volontari Aib e del Corpo Forestale dello Stato hanno dovuto lavorare ininterrottamente per due giorno consecutivi. L’erba e la boscaglia rinsecchita da un lungo periodo di siccità aveva agevolato l’estendersi delle fiamme.

Dov'è successo?

Leggi anche

Borgaro

/

09/12/2018

Borgaro: azienda che produce inchiostri distrutta da un incendio. A casa 35 dipendenti

L’incendio ha causato un’alta colonna di fumo visibile a chilometri di distanza: a fuoco è andata […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

09/12/2018

Previsioni meteo: inizio settimana ventoso caratterizzato dal foehn. Poi toccherà al freddo invernale

Sarà un avvio di settimana ventoso caratterizzato da correnti settentrionali In Canavese e più in generale […]

leggi tutto...

Scarmagno

/

09/12/2018

Incidente a Scarmagno: pensionato di 68 anni si ribalta con il quad. E’ grave al Cto di Torino

E’ grave l’uomo di 68 anni che nella mattinata di oggi, domenica 9 dicembre, per cause […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy