Ceresole: sospese le ricerche del portalettere di Settimo Torinese scomparso al Nivolet

Ceresole Reale

/

26/09/2017

CONDIVIDI

Nello zainetto, la sera di sabato 9 settembre, aveva messo qualche indumento pesante e pochi spiccioli. La sua auto è stata trovata il giorno seguente nei pressi del rifugio Savoia. Da allora si è dissolto nel http:\\/\\/canavesenews.ita

Si è persa ogni speranza di ritrovare in vita, dopo sedici giorni di distanza dalla scomparsa, Davide Gentile, 30 anni residente a Settimo Torinese che si era recato, domenica 19 settembre in escursione nel Parco del Gran Paradiso. Prosegue con successo l’iniziativa turistica “Strada Gran Paradiso” che porta in Canavese migliaia di visitatori provenienti da Torino… Il responsabile dell Protezione Civile Piemontese in accorso con tutti gli enti coinvolti nelle ricerche ha disposto nel pomeriggio di lunedì 25 settembre la sospensione di ogni attività legata al ritrovamento dell’uomo.

Le ricerche, in sostanza, saranno riprese soltanto qualora si presentassero elementi utili che facciano presupporre che sia possibile rintracciare lo scomparso. Davide Gentile di professione faceva il portalettere a Settimo Torinese, popoloso centro di 50mila abitanti nella seconda cintura di Torino dove viveva con la famiglia. Le ultime sue notizie risalgono alla notte tra sabato 9 e domenica 10 settembre allorquando era uscito con alcuni amici.

Da allora non si hanno sue notizie: il telefono cellulare è sempre spento e l’auto del padre che Davide aveva preso in prestito, una Renault Kadjar è stata ritrovata sul Colle del Nivolet nel Parco del Gran Paradiso, ai confini tra il Piemonte e la vicina Valle d’Aosta.

L’uomo non ha dormito al Rifugio Savoia e non si comprende in che modo possa essersi allontanato. Davide Gentile è alto un metro o ottanta centimetri. Al momento della scomparsa indossava una tuta nera con cappuccio e calzava scarpe Nike grigie e arancioni. Nella casa dove viveva con i genitori i carabinieri non hanno trovato nulla, neanche uno scritto che possa far presagire quali fossero le sue intenzioni. Di certo di sa che in uno zainetto ha messo alcuni indumenti pesanti e qualche decina di euro. Da quella notte si è dissolto nel nulla.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/09/2019

L’assessore regionale Chiara Caucino: “Per il welfare abitativo prima i piemontesi”. Ed è polemica

Per il welfare abitativo prima i piemontesi. Ed è subito polemica poltica. L’Assessore Chiara Caucino alle […]

leggi tutto...

19/09/2019

Oglianico a…piede libero con l’arrivo dei “Gruppi di cammino” creati in collaborazione con l’Asl

Anche Oglianico si aggiunge a quelle comunità virtuose che si sono dotate di un gruppo di […]

leggi tutto...

19/09/2019

Il sindaco di Volpiano all’ex provincia: “Modificare le priorità per la sicurezza di corso Europa”

Il sindaco di Volpiano Emanuele De Zuanne, portavoce della zona omogenea Torino Nord, è intervenuto mercoledì […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy