Caterina Abbattista lascia Oglianico e si trasferisce a Gassino. Troppo vicina alla famiglia della vittima

Oglianico

/

30/11/2016

CONDIVIDI

La madre di Gariele Defilippi torna nella casa che le era stata regalata dall'ex facoltoso compagno Silvio Chiappino. I legali sperano cada l'accusa del concorso in omicidio

Ha scelto di andare a scontare gli arresti domiciliari nella casa di Gassino Torinese, quella che il suo ultimo facoltoso compagno di vita, Silvio Chiappino, le aveva regalato. La stessa elegante villetta che per i nove decimi è intestata a Gabriele Defilippi, in carcere con l’accusa di aver assassinato in concorso con l’ex amico-amante Roberto Obert di Forno Canavese, la professoressa Gloria Rosboch. Caterina Abbattista, 45 anni, lascia a casa della sorella che si trova ad Oglianico, un centro abitato troppo vicino a giudizio della procura di Ivrea, a Castellamonte,

paese in cui abitano gli anziani genitori della povera insegnante e che mal sopportavano la vicinanza della donna. Caterina Abbattista dovrà ancora rispondere dell’accusa di omicidio in concorso. La decisione di tornare nella villetta che sorge nella collina torinese, è stata determinata dal desiderio di sottrasi alla folla di curiosi e alla pressione mediatica che circondava la casa della sorella. E poi c’è il fatto che al figlio minore, fratellastro di Gabriele, che la donna può vedere tutti i giorni dopo l’accordo raggiunto tra i suoi legali e quelli del padre del bambino, la pressione mediatica avrebbe potuto creare ulteriori disagi psicologici.

Intanto per la proroga della conclusione delle indagini di sei mesi richiesta dalla procura eporediese, scadrà tra alcuni giorni. A quel punto non ci sarà più spazio per i cavilli: pubblica accusa e difesa dovranno affrontarsi a viso aperto, basandosi sui dati di fatto emersi nel corso delle complesse indagini. Per Gabriele Defilippi, 21 anni, e il maturo amante Roberto Obert, 56 anni, i rispettivi legali potrebbero richiedere il rito abbreviato, il procedimento di giudizio che comporterebbe uno sconto di pena, allontanando in queesto modo la concreta possibilità della condanna all’ergastolo. Spettera al Gip decidere se approvare o meno la richiesta.

Per quanto invece concerne la posizione giudiziaria di Caterina Abbattista, gli avvocati difensori Tommaso Levi e Giampaoloo Zancan, nutrono la malcelata speranza che nei confronti della loro assistica cada l’accusa di omicidio in concorso. Se così fosse, sostengono i due legali la procura eviterebbe di commettere un errore clamoroso. Nei prossimi giorni o si verificherà una svolta deciciva o madre, figlio e amante, andranno alla sbarra per rispondere in un reato gravissimo commesso per motivili futili.

Dov'è successo?

Leggi anche

20/08/2019

Firmato in Regione l’accordo per incentivare il ritorno degli immigrati nei Paesi d’origine

Vuole dare impulso al rimpatrio volontario assistito il progetto sperimentale contenuto in un accordo firmato il […]

leggi tutto...

20/08/2019

Ceresole, afflusso record di turisti. Il vicesindaco Mauro Durbano: “Merito di tutto il paese”

Ottimi risultati per la stagione turistica a Ceresole. Tantissime le presenze registrate e numerosi gli eventi […]

leggi tutto...

20/08/2019

Canavese: Poste Italiane investe nel decoro urbano e nei servizi destinati ai piccoli comuni

Sei nuovi Atm Postamat installati, 15 barriere architettoniche abbattute, 34 paesi interessati dal progetto “decoro urbano”, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy