Castellamonte, bullismo a scuola: sospesi gli studenti che hanno aggredito il compagno

Castellamonte

/

28/12/2016

CONDIVIDI

Sei i ragazzi oggetto dei provvedimenti disciplinari. Il liceo "Faccio" si è mosso con rapidità usando il pugno di ferro per tutelare la vittima e l'immagine del liceo

L’annuncio è stato pubblicato sul sito web del liceo “Faccio” di Castellamonte a firma del preside Antonio Balestra: gli studenti che si sarebbero resi colpevoli di aver compiuto atti di bullismo lo scorso 15 dicembre ai danni di uno studente della prima classe, sono stati sospesi. Nella comunicazione pubblicata il dirigente scolastico sottolinea che non sarebbe stato il ragazzo vittima delle umiliazioni che gli sarebbero stati inflitti dai compagni di scuola, nello spogliatoio della palestra, a raccontare ai genitori la vicenda, ma sarebbe stata altresì la dirigenza, non appena venuta a conoscenza dell’episodio, a convocare la famiglia. Così come sono stati convocati genitori degli altri ragazzi coinvolti nella vicenda (uno dei quali avrebbe mostrato i genitali).

Spiega il preside nella sua lunga nota: “Come previsto dalla norma, tutti gli studenti coinvolti nell’episodio sono stati sanzionati con una nota disciplinare scritta sul registro elettronico lo stesso giorno dell’episodio. Il sottoscritto, in qualità di dirigente scolastico, ha provveduto a far notificato formalmente ai genitori degli stessi studenti l’avvio del procedimento disciplinare e l’individuazione del responsabile del procedimento nella figura del docente coordinatore della classe. Il responsabile del procedimento, coadiuvato dalla vicepreside e da altri docenti ha seguito la fase istruttoria, ascoltando i testimoni e gli studenti coinvolti nel procedimento. Sono state raccolte quattordici dichiarazioni da parte degli studenti. Dichiarazioni che risultano agli atti della scuola”.

Lo scorso venerdì 22 dicembre il dirigente scolastico, dopo aver preso atto delle decisioni assunte dal Consiglio di Disciplina nei confronti degli autori della brutta vicenda, ha immediatamente disposto i decreti di sospensione relativi agli studenti coinvolti e ha fatto in modo che fossero inviati ai genitori. Scrive ancora Antonio Balestra: “Contemporaneamente, terminata la fase istruttoria ed avendo chiare le dinamiche dell’episodio e le singole responsabilità il dirigente scolastico ha fatto inviare alla stazione carabinieri di Castellamonte la documentazione del procedimento, con i relativi decreti”.

Dell’increscioso episodio è stato adeguatamente informato, come prevede la normativa attualmente in vigore, anche l’Ufficio Regionale Scolastico che, da anni, ha assorbito le più importanti funzioni dell’ex Provveditorato agli Studi. La scuola, quindi, si è comportata com’era giusto in queste occasioni, con rapidità e severità, salvaguardando la vittima dell’aggressione e tutelando, nel contempo, l’immagine del liceo che si confermerà, nel prossimo futuro nell’ambito di una manifestazione di ampio respiro artistico-culturale regionale, come una delle “eccellenze” scolastiche del territorio.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

19/10/2018

Ivrea-Chivasso: blocco dei veicoli inquinanti, manca la segnaletica. Niente multe fino all’installazione

Ivrea come Chivasso: il blocco alla circolazione delle auto auto euro o,1,2,e tre diesel ed euro […]

leggi tutto...

Ivrea

/

19/10/2018

Asl T04: Massimo Rosa e Fabio Stefano Timeus sono i nuovi direttori di Psichiatria e Pediatria

Massimo Rosa, 61 anni, è il nuovo Direttore della Struttura Complessa Salute Mentale Chivasso. Dopo la […]

leggi tutto...

Caselle

/

19/10/2018

Caselle: la Finanza sequestra un milione e mezzo di euro grazie al fiuto del cane “Escos”

Ammonta ad oltre un milione e mezzo di euro la valuta contante non dichiarata intercettata dalla […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy